TFN: ammenda al Catania, inibizione per Delli Carri

Si è espresso oggi il Tribunale Federale Nazionale in merito al secondo deferimento della Procura Federale disposto il 7 Ottobre 2015 in merito al filone sportivo dell'inchiesta "I treni del gol". Il Catania era stato deferito a titolo di responsabilità oggettiva per le condotte poste in essere da Delli Carri che all'epoca dei fatti ricopriva la carica di ds della società. Destinatari del medesimo deferimento anche lo stesso Delli Carri e Giovanni Impellizzeri (all’epoca dei fatti allenatore iscritto all’albo del Settore Tecnico). Il deferimento aveva quindi ad oggetto fatti sui quali il Catania era stato già giudicato (con la sentenza del TFN che aveva sancito la retrocessione e la penalizzazione di 12 punti, poi ridotti a 9 in appello, da scontare nella stagione 2015/16), ragion per cui la società non avrebbe dovuto rischiare ulteriori penalizzazioni, nonostante le illazioni diffuse da alcuni organi di stampa di rilevanza nazionale.
Così è stato, ed al Catania è stata comminata "soltanto" un'ammenda di 20mila euro. Delli Carri e Impellizzeri sono stati invece inibiti, rispettivamente per 4 anni per 4 anni e 7 mesi.
Testo integrale del dispositivo

Comunicato FIGC
"In merito al filone sul calcio scommesse di Catania, il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare – presieduto da Sergio Artico ha disposto l’inibizione per 4 anni e un’ammenda di 80mila euro nei confronti di Daniele Delli Carri, all’epoca dei fatti Direttore Sportivo della Società Calcio Catania. Sanzionato con l’inibizione per 4 anni e 7 mesi e con un’ammenda di 115mila euro Giovanni Luca Impellizzeri, all’epoca dei fatti allenatore iscritto all’albo del Settore Tecnico, mentre la società siciliana dovrà pagare un’ammenda di 20mila euro."

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio