Termini Imerese, soluzione lontana
Web

Termini Imerese, soluzione lontana

L'incontro al ministero per lo Sviluppo Economico, sull'indotto dell'ex Fiat di Termini Imerese non ha portato novità sostanziali se non quella che vuole definitivamente uscita di scena la Dr Motor. Se alla scadenza del 2012 non saranno trovati investitori del settore, si andrà avanti per trovare aziende di altri comparti. Quindi se non si affacceranno produttori di vetture, dopo Fiat, nei prossimi tre mesi c'è la probabilità che il sito dica addio all'auto.

Al tavolo ha partecipato, per la Regione siciliana, Salvatore Cianciolo, responsabile della task force lavoro e occupazione della Presidenza. ''Abbiamo registrato - spiega Salvatore Cianciolo - l'impegno del governo ad esitare al più presto l'annunciato decreto per i cosiddetti lavoratori esodati. Il nodo più importante resta però quello della industrializzazione dell'area di Termini Imerese. Insomma, il futuro delle aziende e dei lavoratori dell'indotto Fiat. La Regione ha messo in campo le risorse possibili e ha rispettato tempi e modi dell'intesa siglata più di un anno fa. C'è ancora molto da fare''. Intanto sono stati convocati altri due appuntamenti sempre con i ministeri interessati alla materia: il primo, martedi' 9 ottobre, vedrà la Regione siciliana e il ministero del Lavoro impegnati sui termini della cassa integrazione per il 2012 che varrà anche per il 2013; il secondo , giovedì 11 ottobre, sarà dedicato nuovamente ai lavoratori dell'indotto dell'ex Fiat.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Economia