UFFICIALE: Calaiò allo Spezia
CalcioCatania.com
L'Arciere Emanuele Calaiò.

UFFICIALE: Calaiò allo Spezia

Attraverso il proprio sito, ”Lo Spezia Calcio comunica di aver trovato l'accordo con l'attaccante siciliano, classe '82, Emanuele Calaiò, nell'ultima stagione al Catania, dove ha messo a segno 18 reti in 35 partite.” Il Catania a sua volta ha reso noto che si tratta di una cessione a titolo definitivo.
Queste le dichiarazioni rilasciate dall’Arciere al sito ufficiale della società spezzina: ”Sono davvero entusiasta di essere approdato in maglia bianca. Lo Spezia era la mia prima scelta, qui sono convinto di poter raggiungere traguardi importanti e non vedo l'ora di iniziare a lavorare con mister Bjelica. Ho parlato telefonicamente con Gabriele Volpi, lui è un vincente, mi ha trasmesso subito grande carica, vogliamo tutti e due vincere e portare in alto le Aquile.”

Uno dei pochi a salvarsi in una stagione disgraziata
Emanuele Calaiò approda al Catania l’11 Luglio 2014 al termine di una trattativa serrata col Napoli. Il presidente De Laurentis rivela in quel periodo che il giocatore sarebbe stato ceduto gratuitamente dai partenopei ai quali sarebbe spettato un "premio" di 350.000 euro nel caso di promozione in Serie A del Catania e del raggiungimento di una quota minima di 20 presenze in campionato da parte dell'attaccante. E’ l’uomo di punta, insieme a Rosina (ex compagno ai tempi del Siena), sul quale l’ad Cosentino scommette per il ritorno immediato in massima serie. Il numero 9 effettivamente non tradisce le attese: segna immediatamente, alla prima di campionato contro il Lanciano, un gol di rapina su delizioso lancio di Martinho. Si ripete con costanza, arrivando a firmare 12 reti nel solo girone d’andata, sulle quali spiccano una splendida conclusione al volo in rovesciata contro il Varese e una punizione contro il Latina. Lui e Rosina si confermano i punti di riferimento di una squadra che però non riesce a decollare, né con Pellegrino né col nuovo tecnico Sannino. Così nel mercato di gennaio la piazza etnea assiste ad una rivoluzione di mercato che fa salvi, della formazione titolare del girone d’andata, proprio i soli Calaiò e Rosina, insieme al mediano Rinaudo. Col modulo (4-3-1-2) voluto dal terzo allenatore di stagione, Dario Marcolin, Calaiò deve dividere spazio e gol in attacco col il nuovo arrivo Maniero. I due sembrano rendere meglio quando uno dei due è assente, ma non fanno mancare il loro contributo in termini realizzativi. Il centravanti palermitano realizza altri 6 gol, chiudendo la stagione a quota 18 (in 35 presenze, cui vanno sommate altre 2 in Coppa Italia) e rimanendo in lotta per vincere il titolo di capocannoniere per quasi tutto il campionato. Uniche “macchie” di stagione le espulsioni rimediate contro Lanciano (alla prima giornata, a partita conclusa) e Bologna.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio