Calcio, Palermo. Migliaccio: "Giocare in Europa è meraviglioso. Io rosanero a vita"

Nel Palermo che incanta con i suoi baby fuoriclasse c'è spazio anche per chi è meno appariscente ma che risulta ugualmente indispensabile negli equilibri della squadra. Uno di questi è Giulio Migliaccio, guerriero leale del centrocampo palermitano. Proprio su questo punto, però, Migliaccio tiene a puntualizzare qualcosa: "Io centrocampista di quantità ma non di qualità? Io, invece, penso di essere molto migliorato in questi anni – dice ai microfoni del Corriere dello Sport – Non a caso, tutti i diversi allenatori che sono passati qui a Palermo, mi hanno sempre schierato titolare. Non vivo per l’articolo sul giornale ma per dare una mano ai miei compagni. Mi sento un giocatore importante. Ognuno ha le proprie qualità, la mia è fare una corsa in più per Pastore o per Liverani. Quello che serve alla squadra".


E quello che è servito alla squadra, per esempio, è il gol vittoria realizzato dal ‘Vin Diesel’ rosanero nei minuti finali della gara di Europa League con il Losanna. Rete preziosa che permette al Palermo di essere ancora in corsa nella competizione internazionale: "Un gol molto importante. Se non avessimo vinto – ammette Migliaccio - la situazione poteva farsi pesante. Conosciamo l’ambiente. Invece quel risultato è stato fondamentale: nelle ultime quattro gare, abbiamo vinto fatto tre vittorie ed un pareggio. Abbiamo giocato di giovedì sera ma a Firenze tre giorni dopo non sembravamo stanchi. La fiducia ti fa gestire meglio le fatiche".


Soddisfazione anche sul piano personale: "Sì, è stata anche una grandissima soddisfazione personale. Segno poco, non l’avevo mai fatto in Europa. Per me soltanto esserci è una di quelle cose che sogni da piccolo. C’è la serie A e ci sono le Coppe. Tutto è diverso, gli arbitraggi, i palloni, le tensioni. Ma per noi – chiarisce - non è un problema, è troppo bello giocare in Europa. Non ci pesa, non metteremo in mezzo l’alibi della stanchezza".


A proposito di Europa League, Migliaccio è pronto a scommettere sulle qualità della compagine di Delio Rossi: "In Europa stiamo facendo esperienza. E’ il primo anno ed abbiamo tanti esordienti ma siamo una squadra che può dare fastidio a tutti. Il prossimo avversario sarà il Cska Mosca, in casa e fuori. Sulla carta loro sono i favoriti del girone ma se il Palermo gioca come sa, soprattutto al Barbera, li metteremo in difficoltà. La continuità la stiamo trovando, basta non fare drammi se verrà qualche alto e basso. Prestazioni e risultati dicono che possiamo stare in corsa su più fronti".


Nel corso della lunga intervista rilasciata al Corriere dello Sport, c’è spazio anche per importanti rivelazioni come il prolungamento del contratto con la società di viale del Fante: "Vi rivelo una cosa. Dieci giorni fa il Palermo mi ha allungato il contratto di un altro anno. Avevo firmato il nuovo sino al 2013 solo l’anno scorso, ora resterò rosa sino al 2014. E’ stato un riconoscimento importante, la volontà reciproca di restare assieme. Una gratificazione anche come uomo. Palermo per me è un punto di arrivo, credo che chiuderò qua la mia carriera".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio Siciliano