Calcio, Palermo. Nocerino: "Quando c'era Zenga volevo andarmene"

Antonio Nocerino, centrocampista del Palermo, ospite in studio di Tgs Studio Sport, ha rilasciato diverse dichiarazioni circa la sua esperienza in rosanero, parlando del passato, del presente e anche del futuro. "Quando c'era Zenga io me ne volevo andare. Ho chiesto alla società di essere ceduto. Dovevo aspettare gennaio e poi casualità è cambiato l'allenatore". Passato il momento negativo, poi, Nocerino è diventato un pilastro della squadra di Delio Rossi, partita dopo partita, adattandosi allo stile di gioco del tecnico. "A me piace correre e propormi in avanti. Quando arrivai a Palermo dovevo solo ed esclusivamente coprire, un ruolo totalmente diverso rispetto a quello che ricoprivo a Piacenza. Se oggi riesco a far vedere alla gente dei colpi particolari, come l’assist a Pastore di Firenze, è perchè li ho nel mio dna. Quindi non c’è da stupirsi: adesso ricopro un ruolo che mi piace molto".

Nocerino, durante il suo intervento a Tgs Studio Sport, poi, ha manifestato la voglia di proseguire la sua carriera in Sicilia. "Rinnovo? Qui sto davvero bene, così come mia moglie. A Palermo viviamo alla grande. Ho ancora un anno e mezzo di contratto e attendo la società per rinnovarlo. Il calcio è strano e spesso è difficile parlare di certezze, però io qui sto davvero bene e vorrei continuare a vestire questa maglia".

Il centrocampista rosanero ha concluso con una breve parentesi sulla Nazionale. "Perchè non sarò a Genova con la Nazionale? Probabilmente perchè il ct Prandelli preferisce altri giocatori, ritenuti in questo momento più adatti. Ai miei compagni che si trovano con la nazionale faccio un grande in bocca al lupo in vista della gara di domani".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio Siciliano