Calcio, Palermo sconfitto per 3-1 dal Milan

Milan-Palermo gara pre derby per ambedue le compagini impegnate stasera, un incontro delicato soprattutto per i rossoneri a caccia del primato in classifica. I padroni di casa rinunciano a Pirlo per problemi muscolari e a Ronaldinho per scelta tecnica, oltre allo squalificato Gattuso; Palermo con gli sloveni titolari e Miccoli che parte nuovamente dalla panchina.

Buon avvio rosanero, con una bella azione condotta da Balzaretti ed Ilicic che fanno arrivare a Pinilla un pallone che si spegne in corner. Il Milan non sta a guardare e al 10' Ibrahimovic si gira su Munoz e sfiora il vantaggio con un rasoterra di poco a lato. Boateng ci prova due volte nei minuti successivi, poi intorno al quarto d'ora buon tiro di Cassani deviato in calcio d'angolo: nasce così l'azione del dubbio rigore per i rosa con Pinilla messo giù da Thiago Silva (che alla fine risulterà uno dei migliori in campo, ndr), ma per Banti è tutto regolare.

Al 18' il Milan passa con azione nata ancora da calcio piazzato: Pato anticipa tutti di testa (in ritardo Bacinovic) e batte Sirigu da due passi. Il brasiliano è uno dei più attivi tra le fila dei rossoneri, insieme all'ottimo Seedorf. Discreta reazione del Palermo con i tentativi di Bacinovic da lontano, Pinilla di testa e Nocerino: la squadra di Rossi prova a pungere con i terzini Cassani e Balzaretti, autore di una prova quasi perfetta questa sera. Il Milan comunque controlla e pressa molto bene, gestendo il vantaggio col minimo sforzo. L'ultimo sussulto del primo tempo arriva con un tiro di Ilicic parato in due tempi da Abbiati.

Non pervenuto l'argentino Pastore, vittima di fastidiosi problemi al ginocchio destro: il 'Flaco' non riesce a giocare, ma rimane coraggiosamente in campo zoppicante. Si va all'intervallo con un vantaggio rossonero poco limpido, di certo non meritato lo svantaggio per il Palermo. Nella ripresa subito un'occasione per i rosa con Ilicic lanciato in verticale: lo sloveno tiene il possesso nonostante un'incertezza e scarica su Pastore, ma il tiro non inquadra la porta. Seguono una punizione di Bovo e una di Ibrahimovic, poi Pastore alza bandiera bianca. Non ce la fa l'ex Huracan, al 7' minuto entra Miccoli al suo posto.

Pochi minuti dopo ancora un episodio dubbio: il Palermo reclama un rigore per un mani di Boateng, che intercetta in barriera una punizione del capitano rosanero. L'arbitro Banti non vede e si prosegue come se niente fosse; seguono un tiro debole dello stesso Miccoli al 13' e due minuti dopo una bomba di Flamini che si spegne di poco a lato alla sinistra di Sirigu. Match sostanzialmente equilibrato, tanto che al 18' arriva il pareggio: su una respinta di Yepes è lo sloveno Bacinovic a centrare la porta con un bel tiro da fuori che batte l'immobile Abbiati. Meritato il pareggio per i rosa, che in questa fase del match sembrano più freschi dei padroni di casa.

Siamo al 20' quando Pato abbandona il campo per problemi muscolari: al suo posto Inzaghi, che dovrà uscire a sua volta dopo un quarto d'ora sempre per problemi di natura fisica. Fase centrale della ripresa che si infiamma, Seedorf centra il palo e sfiora il gol col tap-in di testa al minuto numero ventitré rispondendo ad un diagonale di Ilicic. Il Palermo fa entrare Maccarone per un Pinilla apparso sottotono rispetto alle precedenti uscite. Il pessimo arbitro Banti, che in più di una occasione ha dimostrato di non essere in serata, alla mezz'ora concede un dubbio rigore al Milan per atterramento di Ambrosini: il centrocampista è bravo e furbo nel cercare il contatto con Sirigu, punito poi col cartellino giallo.

Arriva così il 2-1 per il Milan con il rigore trasformato di potenza da Ibrahimovic, mentre entra anche Robinho. L'ex giocatore di Manchester City e Santos sigla il 3-1 al 37' su assist dello svedese e chiude di fatto la partita al termine di un contropiede ben gestito da Ibrahimovic. Nel finale non riesce il favore a parti invertite, col brasiliano che passa debolmente permettendo il recuper di Munoz; discreta la prova del centrale argentino, non impeccabile ma sicuramente più in palla rispetto ad altre volte. Non ci sono più grosse emozioni e il match si conclude così con la vittoria dei rossoneri con un doppio scarto bugiardo.

Partita scialba, il Milan vince col minimo sforzo e anche grazie alle incertezze dell'arbitro Banti. Il Palermo torna a casa con un pugno di mosche in tasca, con le condizioni di Pastore da verificare e con un Miccoli ancora in ritardo di condizione. Le buone notizie arrivano da Balzaretti e Bacinovic, lo stesso Ilicic è sembrato in ripresa soprattutto nel secondo tempo (quando finalmente il tecnico Rossi lo sposta dalla fascia destra verso il centro del campo, ndr). Domenica pomeriggio sarà derby, al "Renzo Barbera" arriverà un Catania fresco di vittoria contro l'Udinese.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio Siciliano