SiciliaToday
Calcio, Palermo: Amauri è più di una tentazione
Gen 4, 2012 - 7:41:23 PM

Da tempo si parla di Amauri di nuovo al "Renzo Barbera", ma l'operazione non si è mai concretizzata (anche per problemi di ingaggio, ndr). Nelle ultime ore l'italo-brasiliano è tornato d'attualità in casa Palermo e questa potrebbe forse essere la volta buona per il suo ritorno in Sicilia. Maurizio Zamparini, infatti, ci sta provando: secondo l'esperto Sky, Gianluca Di Marzio, il numero uno di Viale del Fante ne aveva parlato anche al suo ex allenatore Devis Mangia. Pure durante il summit di mercato di ieri tra il presidente, il direttore sportivo Cattani e il nuovo tecnico Mutti si è parlato anche del giocatore. Mutti gradirebbe allenare Amauri, ma a preoccupare il patron sarebbero le condizioni fisiche dello juventino: secondo Zamparini non è più quello di una volta. Nei prossimi giorni la dirigenza rosanero capirà se iniziare o meno la tanto attesa trattativa per riportare il centravanti in maglia rosanero. La Fiorentina resta in corsa, ma sembra essere passata in seconda fila e starebbe pensando a Quagliarella e Pinilla. Amauri, nel frattempo, ha fatto sapere che tornerebbe volentieri.

I tifosi palermitani, dunque, possono ricominciare a sognare, ma devono comunque ricordare che già in estate fu fatto un tentativo per riportare Amauri a Palermo e, purtroppo, non andò a buon fine. Non a caso Zamparini getta acqua sul fuoco per spegnere le voci che vogliono il giocatore vicino al ritorno; tuttavia, questa volta il problema dell'ingaggio potrebbe essere uno scoglio non più insormontabile e l'affare si potrebbe chiudere entro la fine di questa sessione di calciomercato.

Tuttojuve.com ha cercato di approfondire la questione, interpellando il presidente Zamparini: "Ad oggi si tratta solamente di una voce, per il momento non c'è nulla. Non abbiamo avuto nessun contatto - ha detto il patron rosanero - nè con la Juventus nè con il giocatore. Ritorno di fiamma possibile? Il giocatore lo apprezziamo, ma al momento siamo coperti... e più che l'ingaggio - rivela Zamparini - è che in avanti siamo già coperti con gli attaccanti che abbiamo".