Calcio, Palermo-Napoli 0-3

Prima di campionato per il Palermo contro l'ambizioso Napoli di Mazzarri, prima assoluta con la 'panchina lunga' tanto voluta proprio dal presidente partenopeo De Laurentiis. E, purtroppo, prima sconfitta per la squadra siciliana: troppo forte e in palla la formazione campana (già in grande condizione per aver disputato la Supercoppa in Cina contro la Juventus due settimane fa, ndr). Dimostrazione di forza per Hamsik e compagni, male gli uomini del presidente Zamparini: pesante l'assenza di Ilicic, inconsistente l'attacco. Giusti, anche se ingenerosi, i fischi piovuti dagli spalti al termine dell'incontro. Il tecnico rosanero Sannino sceglie in avvio un 3-5-2 con Ujkani in porta, Munoz, Von Bergen, Cetto in difesa, Pisano e Bertolo sulle corsie laterali, Barreto, Donati e Brienza in mezzo, poi Hernandez avanti con Miccoli; dall'altra parte stesso modulo con il giovane Insigne ed Hamsik a supporto dell'ex Cavani.

La partita – Buon ritmo nei primi minuti, le squadre dimostrano di voler giocare a viso aperto. Al minuto numero undici è Hamsik a tentare la conclusione da fuori, non inquadrando lo specchio della porta; quindi al 17' brivido su cross di Campagnaro sfiorato da Insigne e successivamente bella azione di Cavani che salta tutti e viene chiuso provvidenzialmente da Cetto. Sul capovolgimento di fronte Bertolo si guadagna un calcio di punizione dalla media distanza che, però, Miccoli calcia sulla barriera. Problemi per Brienza e Sannino al 29' chiama dalla panchina Migliaccio, forse alla sua ultima apparizione al “Barbera” e per questo applaudito dal pubblico di fede rosanero. Al 31' grande occasione per Eros Pisano, che sugli sviluppi di un calcio piazzato va di testa ad impegnare l'estremo difensore De Sanctis che a sua volta si rifugia in corner. Prende coraggio la squadra di casa, al 33' ci prova Miccoli dal limite dell'area: palla fuori di un metro alla destra del portiere. Incredibile poi al 42' l'errore di Cavani, che da due passi colpisce la traversa su sponda di Maggio: più difficile sbagliare che segnare, davvero clamoroso l'errore dell'attaccante. In pieno recupero, però, arriva il vantaggio ospite con il solito Hamsik, bravo dall'interno dell'area a freddare Ujkani con un potente diagonale sul primo palo. Il primo tempo si chiude così sullo 0-1 grazie alla rete messa a segno dallo slovacco.

Nella ripresa nessun cambio dal primo minuto e Napoli che riprende il comando delle operazioni; ma la prima grande occasione è per la formazione rosanero con Miccoli che al 51' non trova la porta da fuori area. Risponde la squadra ospite con Hamsik che sfiora il primo palo, servito da Maggio. Cambio per mister Sannino subito dopo: out Donati, dentro Arevalo Rios per la sua prima gara ufficiale col Palermo; poco dopo dentro Dzemaili per Insigne. Al 65' possibile rigore negato al Palermo dall'arbitro Orsato di Schio: calcio di punizione e Cetto atterrato in area piccola da Maggio a due passi da De Sanctis. Due minuti più tardi Bertolo strozza il tiro da fuori e conclude centralmente, facile presa del portiere ospite. Brivido al 74' con l'occasione per Miccoli, il suo tiro viene deviato in calcio d'angolo con la palla che regala la sensazione del gol a parte degli spettatori. In campo anche Edu Vargas per Inler, poi al 79' arriva il raddoppio dei campani con Maggio che infila Ujkani con un diagonale preciso, dopo un perfetto lancio di Hamsik. Sannino tenta il tutto per tutto mandando in campo Budan al posto di Barreto a dieci minuti dal termine: proprio il nuovo entrato si guadagna una punizione interessante, ma Miccoli centra ancora il muro. Niente da fare, è il Napoli a tenere in mano il pallino del gioco ed Hamsik e Cavani danno spettacolo: proprio il sudamericano a due minuti dal novantesimo insacca di testa su cross di Vargas. Fuori il fantasista slovacco Hamsik, dentro Donadel per il finale di gara. Al primo minuto di recupero Miccoli su punizione sfiora la traversa, non arriva nemmeno il gol della bandiera.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio Palermo