SiciliaToday
Calcio, Palermo: le prime parole del nuovo tecnico Mutti
Dec 20, 2011 - 8:00:59 PM

Tanti i temi sviscerati dal nuovo allenatore del Palermo nel corso della conferenza stampa alla vigilia del match contro il Novara: dagli obiettivi stagionali al contratto di soli sei mesi, passando per un'analisi del gruppo e della situazione dell'attacco in vista della gara di domani sera.

Queste le prime parole da allenatore del Palermo di Lino Mutti, dichiarazioni rilasciate in sede di presentazione presso l'hotel "La Bussola" di Novara.

OBIETTIVI «Costruire un campionato in tranquillità, di qualità, riuscire a valorizzare giocatori in fase di maturazione. Qualche problematica c’è, bisogna mantenere un profilo di un certo livello. Speriamo che il campo ci dia risposte positive, ma occorre ricordare che in questo campionato ci sono varianti di cui tenere conto e alle quali stare attenti. Il Palermo ha ragazzi di valore che hanno qualità importanti che possono esprimere tranquillamente».

GRUPPO «Nel gruppo ho trovato alcuni ragazzi che già conoscevo, altri no. Hanno tutta la voglia di uscire da questo momento. Non è difficile, la situazione è un po’ precaria ma non impossibile da risolvere. Bisogna parlare una sola lingua: quella dello spogliatoio e del campo».

CONTRATTO «Solo sei mesi di contratto? Non sono situazioni di cui mi curo, la mia età mi permette di essere tranquillo e di non correre dietro al contratto. Ho l’opportunità di avere a che fare con un gruppo da plasmare, per me è una novità sotto l’aspetto gestionale perché una rosa così variegata non l’ho mai gestita».

LAVORARE E CRESCERE «Dobbiamo cercare di condurre un campionato di livello, è necessario scendere in campo con la massima ambizione ed evitare situazioni precarie. Occorre lavorare e crescere».

NOVARA «Arriviamo a una gara con soli due giorni di conoscenza. Proprio per questo sarà un match delicato, a gennaio sicuramente la situazione sarà più semplice. Il Novara è una squadra che sta facendo il campionato che tutti si aspettavano. Lotta come una provinciale e ha le carte in regola per giocarsi la salvezza sino all’ultima giornata. La speranza è quella di riuscire a cogliere un risultato positivo disputando una partita di spessore».

ATTACCO «Miccoli ha un problema al polpaccio. Spero di poterlo portare in panchina, anche se ci sono poche possibilità. Conto parecchio su Budan: mi auguro possa reggere più a lungo possibile».

PASSATO «Il periodo intermedio tra Sensi e Zamparini è stato abbastanza confusionario, quando sono andato via ancora era in ballo il passaggio di proprietà. Se non ricordo male al mio posto arrivò Pruzzo ma dopo qualche giorno la trattativa si concluse».