SiciliaToday
Calcio, Palermo: nove reti in amichevole, da valutare Bovo
Gen 19, 2011 - 7:11:13 PM

Questa mattina il Palermo ha sostenuto la prima seduta del giorno al "Tenente Onorato" di Boccadifalco. I rosa hanno effettuato un riscaldamento a secco, un lavoro atletico ed esercitazioni tecnico-tattiche. Miccoli, Ilicic e Nocerino hanno lavorato con il gruppo, mentre Hernandez e Pastore hanno sostenuto un lavoro differenziato programmato in palestra.

Nel pomeriggio, secondo allenamento del giorno per gli uomini di Delio Rossi, che hanno sostenuto una lieve sgambatura contro l'Orlandina, rappresentativa dilettantistica regionale: l'amichevole si è conclusa con il punteggio di 9-0 in favore del Palermo, con quattro reti messe a segno da Maccarone. Soltanto corsa e palestra per Hernandez, mentre Pastore ha nuovamente sostenuto un lavoro differenziato programmato in palestra.  Si è allenato a parte anche Garcia. Terapie, invece, per Goian e Pinilla. 

Al termine dell'amichevole Delio Rossi ha fatto curare ai giocatori rosa che hanno giocato la ripresa i movimenti su palle inattive a calci d'angolo. In vista del match di campionato contro il Brescia (anticipo di sabato, ore 18:00) c'è da valutare la condizione fisica di Bovo che ha giocato solo la prima parte del test ed è stato sostituito da Andelkovic. Le valutazioni verranno fatte domani, quando la squadra si ritroverà nel pomeriggio per una seduta a porte chiuse.

Lo stesso Bovo, intervistato da Palermo Channel TV, si è soffermato sulla sfida di sabato: "Abbiamo la possibilità di riprendere il nostro cammino dopo un passo falso, siamo consapevoli del fatto che se giochiamo come sappiamo possiamo mettere in difficoltà chiunque; in casa ultimamente stiamo andando alla grande e speriamo di continuare così. Dobbiamo pensare a fare bene quello che è nelle nostre corde per ottenere i tre punti".

Così il numero cinque rosanero sul nuovo compagno di reparto, lo sloveno Andelkovic: "Lo vedo bene. Quando ho giocato con lui in Coppa Italia mi ha fatto un'ottima impressione. Non è nemmeno giovanissimo, credo che ventiquattro anni siano l'età giusta per poter far bene in questo ruolo. L'unica difficoltà per lui e Kurtic può essere la lingua, ma credo che la supereranno presto. Sono stati due ottimi acquisti".