Antonio Cornacchione in tour dal 25 gennaio con “Silvio c'è?”. Unica data in Sicilia a Catania il 19 febbraio

Partirà da Napoli, il 25 gennaio, la nuova tournée di “Silvio c'è?”, lo spettacolo con cui Antonio Cornacchione è, come si legge nelle sue note, “tornato a lavorare, dopo quattro anni, con e per il nostro Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi”. Lo show, prodotto da Cornilio Sghez ed organizzato in Sicilia da Francesco Amantia Management, sarà al Teatro Metropolitan di Catania il 19 febbraio, unica tappa nell’Isola.

“Berlusconi e Cornacchione - continuano le note sullo show - hanno stretto un ‘patto di mutuo soccorso’ ed in questo momento quello che ha più bisogno di aiuto è senz’altro il premier. Per questo l’amico Cornacchione ha deciso di scendere di nuovo in campo, armato solo ‘di amore e di carità’, per difendere Silvio dai cattivi che non gli vogliono bene e per far trionfare le armate del bene contro le orde del male”.

“Dove hanno fallito i suoi avvocati ed i suoi tanti portavoce, Cornacchione vincerà, grazie alla sola forza dell’amore. Se Berlusconi cerca di fare un passo indietro, di spegnere i riflettori accesi su di lui per non personalizzare la politica e soprattutto per non far coincidere troppi processi sulla sua persona, allora è necessario rispettare la sua scelta e parlare di tutto pur di non parlare di lui. Così si parlerà di gossip con Daddario & Co, di informazione con Vespa e Minzolini e di Brunetta”.

Un’ora e mezza in scena di confronto “strabico” con la realtà italiana, raccontata e cantata da Cornacchione e musicata da Carlo Fava, solida figura del teatro-canzone, amabile chansonnier, “campione italiano in carica degli imitatori di Joseph Ratzinger”. I due complici duettano su massimi e minimi sistemi, rileggendo con ironia i tempi curiosi che andiamo vivendo. Temi di scottante attualità, trattati con lo sghignazzo complice di due ‘vecchi amici’ (“tre, contando anche Silvio”), che si cantano addosso, si parlano addosso, si criticano addosso, lavorando con autoironia sui rispettivi difetti. Così Antonio insegna a Carlo come uscire dalla nicchia della musica d’autore e Carlo suggerisce ad Antonio i segreti dei vari telegiornali partendo, dalla loro musicalità interiore. Per finire con un omaggio al grande Giorgio Gaber, con un pezzo più che mai attuale.

“Silvio c’è?” è uno spettacolo che non fugge dall’attualità, ma la affronta, “perché in fondo l’attualità è solo la storia da piccola: notizie, canzoni, fannulloni, religione, telegiornali e fotografie”.

I biglietti per l'unica data siciliana dello show di Antonio Cornacchione al Teatro Metropolitan di Catania (19 febbraio) sono già in prevendita, anche su internet all’indirizzo www.ctbox.it. Sono previste tre tipologie di biglietti: poltronissima (35 euro), poltrona (25 euro) e distinti (18 euro). Per tutte le informazioni su prevendite, biglietti e disponibilità di posti, www.amantiarts.it, infoline 095.7225340.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cinema&Teatro