(siciliatoday)

Bellini, dal 2 al 12 giugno Cenerentola di Prokof'ev

C’è la grande danza nell’ultimo appuntamento della Stagione Lirica 2011 del Teatro Massimo Bellini prima della pausa estiva (i rimanenti due titoli sono previsti in autunno): il balletto Cenerentola, di Sergej Prokof’ev, sarà sul palcoscenico del “Bellini” dal 7 al 12 giugno, per ben otto spettacoli uno dei quali, l’11 giugno alle ore 21, in “fuori abbonamento”.

A riproporre per il pubblico catanese la celebre fiaba di Perrault in danza sarà una delle compagnie europee di balletto attualmente più acclamate: Les Ballets de Monte-Carlo, diretta dal coreografo Jean-Christophe Maillot e che opera sotto la presidenza di S.A.R. la Principessa di Hannover.

A dirigere l’orchestra stabile del “Bellini” sarà il maestro Nicolas Brochot. La compagnia monegasca firma anche l’allestimento, con la scenografia di Ernest Pignon-Ernest, i costumi di Jérome Kaplan, le luci di Dominique Drillot.

IL BALLETTO E L’ALLESTIMENTO. Scritto da Sergej Prokof’ev su libretto di Nikolai Volkov, il balletto Cenerentola fu rappresentato per la prima volta al Teatro Bolshoi di Mosca il 21 novembre 1945. L’ultima rappresentazione al Teatro Massimo Bellini risale esattamente a cinque anni fa, maggio 2006.

Quello che porterà in scena il Balletto di Monte-Carlo sarà un allestimento di grande impatto, ricco e suggestivo, basato sul concetto del “ricordo”, nel quale il coreografo e direttore della Compagnia Maillot opera delle variazioni temporali sulla scansione delle musiche di Prokof’ev che rendono lo spettacolo più organico e certamente più coerente con le scelte coreografiche. “Il coreografo – scrive in sue note il giornalista francese Dominique Passet-Baudelot - affronta il racconto attraverso la tensione morte-vita che lo spiega. Usa la coreografia come uno scalpello per scavare e sviscerare le ombre piuttosto che i personaggi. Il meraviglioso fa emergere la ferocità dell’umano, la violenza della noia, dell’invidia, del non essere. A questa morbosità dei viventi, il coreografo oppone la leggerezza, l’energia del desiderio”. E ancora: “Coreografia allegra e forte, poetica e critica, la ‘Cenerentola’ di Jean-Christophe Maillot eguaglia la partitura di Prokof’ev per varietà di elementi. Grave o impertinente, scivola, senza attriti, dal meraviglioso del racconto a una percezione critica dei personaggi e delle situazioni. Ne emerge un’estetica piuttosto strana nella quale gli elementi violentemente realistici o bizzarri incrociano o si diluiscono in episodi completamente magici”.

Per il resto, occorrerà vedere lo spettacolo per rendersi conto della grande bravura dei danzatori – un cast internazionale di etoile, primi ballerini e ballerini - e per la ricchezza dell’allestimento. E sarà davvero una festa.

LE DATE. Otto le recite previste. Dopo il debutto di martedi 7 giugno alle ore 20,30 (turno “A”), seguiranno: Mercoledì 8 giugno ore 17,30, turno "C"; giovedì 9 giugno 2011 ore 16,00, turno "S2"; sempre giovedì 9 giugno 2011 ma alle ore 21,00, turno "B"; venerdì 10 giugno ore 17,30, turno "R"; sabato 11 giugno ore 16,00, turno "S1"; sempre sabato 11 giugno ma alle ore 21,00, il turno “fuori abbonamento”. Infine, domenica 12 giugno ore 17,30, turno "D".

I BIGLIETTI. Al botteghino del teatro dallo scorso 10 maggio sono in vendita sia i biglietti per il “fuori abbonamento” dell’11 giugno alle ore 21, sia quelli per i posti rimasti disponibili nei sette turni di abbonamento. Il botteghino di piazza Vincenzo Bellini è aperto tutte le mattine dei giorni feriali dalle 9,30 alle 12,30; dal martedi al venerdi apertura pomeridiana ore 17-19. Nei giorni di recita, l’apertura pomeridiana avverrà un’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Infoline 095 7150921, sito internet www.teatromassimobellini.it.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cinema&Teatro