"La Bella Addormentata": la trama

TRAMA “LA BELLA ADDORMENTATA”

Nella versione disegnata da Marius Petipa per la prima rappresentazione del 3 gennaio 1890, la coreografia de “La Bella Addormentata” prevedeva 4 atti (prologo, atto I, atto II e atto III).

Pur avendo mantenuto integri le linee e i movimenti dei personaggi principali (la strega Carabosse, la principessa Aurora, il principe Desiré, la Fata dei Lillà, l’Uccello Azzurro), e in generale la coreografia tutta, Lino Privitera ha tradotto in due atti principali, i quattro originari adattando alcuni dei passi delle scene collettive per consentire anche agli allievi più piccoli, di poter calcare le scene senza difficoltà.

ATTO I
Alla corte di re Floristano viene allestita una festa per il battesimo della principessa Aurora: cavalieri, dame e le fate buone del regno, portano doni. Tra gli invitati però manca la strega Carabosse, la quale per vendicarsi, getta una maledizione sulla piccola Aurora: al sedicesimo anno di età, la principessa morirà pungendosi con un fuso.
A quel punto la Fata dei Lillà decide di modificare la maledizione: Aurora non morirà ma sprofonderà in un eterno sonno, che coinvolgerà tutta la corte e che avrà fine solo grazie al bacio di un giovane principe.
Si festeggia il compleanno della principessa Aurora, dopo che ogni fuso è stato bandito dal regno e il suo uso vietato severamente. Aurora appare e, corteggiata da quattro pretendenti che arrivano dai quattro rispettivi continenti, balla con i quattro principi (il famoso Adagio della Rosa): le varie danze distolgono l’attenzione del pubblico e così la strega Carabosse, travestita da vecchia mendicante, porge un fuso alla principessa. Incuriosita dall’oggetto mai visto, Aurora ne tocca la punta e sviene: la Fata dei Lillà con il suo dono, interviene e trasforma la morte in sonno.
Gli invitati si addormentano e il castello viene avvolto da rovi e circondato da un fitto bosco.


ATTO II
Sono trascorsi cento anni e in una radura nei pressi del castello avvolto dai rovi, una compagnia di nobili è presa in una battuta di caccia. È presente anche il principe Desirè: l’atmosfera cambia, appare la Fata dei Lillà, che in un sogno conduce il principe da Aurora, avvisandolo dell’accaduto.
Alla sola visione della principessa, il principe se ne innamora. Quindi giunge al castello dove riesce ad entrare e, trovata la principessa, la bacia spezzando l’incantesimo; la corte si risveglia e le danze ricominciano. Il principe potrà sposare la principessa Aurora.
Si organizza una grande festa al castello. Tra gli invitati compaiono l’Uccello Azzurro e la principessa Florine; e molti dei personaggi delle fiabe di Perrault (Il Gatto con gli stivali e la gatta bianca, Cenerentola e il Principe Fortuné, Cappuccetto rosso e il lupo).
I due promessi sposi danzano, in un celebre Passo a Due, e con loro anche tutti gli invitati in onore dei futuri re e regina.


blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cinema&Teatro