"La Bella Addormentata": è vigilia

DOMANI SABATO 10 luglio, ore 17.15 (Istituto per Ciechi “Ardizzone Gioeni”, Via Etnea n. 595), il coreografo e direttore artistico del Centro Professionale di Danza “L’Opéra” di Catania Lino Privitera presenterà alla stampa e agli amanti del balletto classico, lo spettacolo “La Bella Addormentata”.

Oltre al maestro Privitera, illustreranno la serata anche il presidente dell’Istituto “Ardizzone Gioeni” Gianluca Rapisarda, ed è prevista la gradita presenza di Marella Ferrera, nella sua duplice veste di creatrice di moda e assessore alla Cultura del Comune di Catania.

Sarà l’occasione per conoscere da vicino le prossime étoile, assistere alle ultime prove in un backstage esclusivo e vedere, come dentro un atelier di moda, i ritocchi finali degli abiti di scena, fra paillettes, lustrini, piume, tulle e tutu, dai colori lussureggianti.

Una fiaba, una storia d’amore e d’incanto, nei personaggi fantastici di Carabosse la strega cattiva, della dolce Fata dei Lillà, della principessa Aurora, del Principe Desirè e dell’Uccello Azzurro.
Non solo magia, musica, balletto, ma anche un rinfresco a fine conferenza stampa.

Sabato 10 luglio - 20.30 il balletto. Ad ospitare il balletto, il chiostro medievale dell’Istituto Ardizzone Gioeni, grazie alla collaborazione del presidente dell’Istituto, Gianluca Rapisarda. Il sipario si alzerà alle 20,30. L’ingresso è libero, l’accesso alla platea è riservato a coloro che fanno parte della lista invitati.

Uno spettacolo in due atti, per oltre tre ore di musica nelle note di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Il corpo di ballo composto per lo più da allievi del centro “L’Opéra”, 60 elementi, dai 3 ai 20 anni, interpreterà dunque uno dei massimi capolavori del balletto classico avendo mantenuto integro lo spirito dei passi “disegnati” da Petipa per i primi ballerini. E ciò grazie alla professionalità e alla lettura registica del maestro Lino Privitera che in questo balletto, ha saputo coinvolgere anche gli allievi più giovani. Privitera ha infatti atteso sette anni prima di poter portare in scena “La Bella Addormentata” nella sua veste originaria, per poter sancire un legame profondo con la danza, alta, raffinata, attenta.



NOTE SALIENTI SUL COREOGRAFO LINO PRIVITERA
Lino Privitera inizia gli studi di danza classica nella scuola di Donatella Capraro. Nel 1987 si diploma “ballerino” grazie ad una borsa di studio per il corso di perfezionamento alla danza, nella scuola di Renato Greco a Roma. Nello stesso anno si trasferisce a Londra dove studia alla The Place Dance School. L’anno successivo studierà all’American Center of Contemporary Dance di New York.
Nel 1991 trasferitosi a Parigi, studierà nella scuola di Peter Gross e nella compagnia di Maguy Marin.

Dal 1990 al 2010 di strada “in punta di piedi” Lino Privitera ne ha fatta:
dal Teatro Massimo Bellini di Catania, dove sarà il primo ballerino nel “Bozzetto siciliano”; nel 1991 vince il primo premio al concorso nazionale di coreografia contemporanea e il “Prix Violinine” al concorso internazionale di coreografia di Parigi. Insegnerà all’Accademia “Harmonique Bastille” di Parigi e al “Conservatoire de la Danse” di Parigi.
Nel 2000 in occasione dell’inaugurazione della stagione operistica dell’Arena di Verona è coreografo e aiuto regista dell’opera “Nabucco” di Giuseppe Verdi per la stagione 2001, coreografia ripresa all’Arena di Nimes (Francia) nel 2002.

Nel 2004 è “maitre de ballet” per la compagnia-musical “Notre-Dame de Paris”; nel 2006 forma la Compagnia di Danza Contemporanea ITAI del quale è direttore artistico e coreografo.
Debutta con una sua preziosa creazione: “Atman” nell’agosto dello stesso anno, all’interno della rassegna “Taormina Arte” al Teatro greco di Taormina.




CENTRO PROFESIONALE DI DANZA “l’Opéra”
Quattro anni fa crea il Centro Professionale di Danza “L’Opéra” di Catania. E in pochi anni, l’Opéra è diventata una realtà importante nel panorama locale.
Da anni investe sugli allievi più talentuosi, riservando loro prestigiose borse di studio. Molti dei quali grazie alla preziosissima preparazione del maestro, hanno avuto l’opportunità di accedere ad enti prestigiosi così come la Scuola del Teatro dell’Opera di Roma, la Birmingham Royal Ballet, la Rotterdam Dance Accademy e la Royal School di Londra.





blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cinema&Teatro