(a cura di Giuseppe Messina)

Teatro: trittico sorprendente al Brancati

Tre atti brevi e leggeri come degli sketch, tre interpreti brillanti, tre camere per ambientazione e un triangolo amoroso-omicida la cui ironia cresce di atto in atto.
“Camere con crimini”, commedia di due tra i più brillanti sceneggiatori di Broadway, Sam Bobrick e Ron Clark, diretta da Romano Bernardi, andrà in scena al Teatro Vitaliano Brancati di Catania fino al 23 Gennaio.
Lo spettacolo, originale e divertente, scompone i canonici termini del tradimento, e ne mette in luce solo gli aspetti più ridicoli ed effimeri. L’intreccio amoroso, rigorosamente inserito nello schema a tre, coinvolge paradossalmente quarte parti assenti, dando vita a risvolti imprevisti.
Cambiano i colori, cambiano le stagioni, cambiano le alleanze.
In fin dei conti moglie, marito e amante hanno in comune più cose di quanto si potrebbe pensare, e i tre divertentissimi tentati omicidi mostrano quante sfaccettature, apparentemente surreali, possa avere la loro “speciale relazione”. Divertente lo spettacolo, divertente il tentare di indovinare i termini dell’atto successivo. Debora Bernardi, Vittorio Bonaccorso ed Emanuele Puglia, i tre attori messi in gioco, danno la perfetta coloritura, a tratti bonaria a tratti piccante, alla piece teatrale, mantenendo alti e serrati i ritmi del dialogo.
Validissimi i contributi della scenografa Cinzia Puglisi, e delle costumiste, le Sorelle Rinaldi.
Del resto la commedia è quello che ci si deve aspettare da un autore come Sam Bobrick, che ha dichiarato “Non c’è soddisfazione più grande per me di quella che provo nel sedermi in mezzo al pubblico e sentirlo ridere; non ho mai sentito la necessità di condividere un messaggio depressivo con il mio pubblico”.
Niente autore in sala per appurarlo, ma il pubblico ha riso parecchio.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cinema&Teatro