“The Sicilian Girl”, sbarca negli Usa la storia di Rita Atria

La storia di una ragazza amante della verità e della giustizia. La storia di una diciottenne che testimoniò al giudice Paolo Borsellino i segreti della sua famiglia di Partanna, legata alla mafia, e le dinamiche della malavita di quella zona.

La fine tragica di una ragazza, suicida il 26 luglio 1992, pochi giorni l’assassinio di Borsellino. Incapace di reggere l’urto di una mafia così spietata e tentacolare, e della perdita di una persona divenuta per lei come un padre.

RITA NELLE SALE D'AMERICA
Quella di Rita Atria non è una storia famosa, poco è stato fatto per renderla quanto più comune possibile. Tra qualche settimana il regista Marco Amenta porterà nelle sale degli Usa “The Sicilian Girl”, versione in lingua inglese de “La siciliana ribelle”.

La pellicola è uscita in Italia nel 2009 e racconta la vita di Rita. Un film già un anno fa poco pubblicizzato e fonte di polemiche tra la cognata di Rita, Piera Aiello, alcuni giornalisti che si occupano di mafia, ed il regista Amenta accusato d’aver avuto esclusivamente fini speculativi nella realizzazione del film.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cinema&Teatro