"Fumo negli occhi" al teatro Don Bosco di Catania

Il desiderio irrefrenabile di apparire per quello che in realtà non si è, la forma che prevale sulla sostanza, l'esteriorità che troppo spesso ha la meglio sulle qualità interiori. Nella società dell'immagine, tanto di ieri quanto di oggi, la scalata al successo e al miglioramento del proprio status sociale divengono in molti casi gli unici obiettivi davvero importanti da raggiungere. "Fumo negli occhi" di Faele e Romano, un classico del teatro italiano, è la commedia che denuncia apertamente tali storture e che sarà proposta sabato (con doppio spettacolo alle ore 17 e alle ore 21) e domenica (alle ore 18.30) sul palcoscenico del teatro Don Bosco di Catania dalla compagnia Oltre le Camene.

Con la regia di Salvo La Rosa, la trama, collocata in un tipico contesto siciliano degli anni Sessanta, quello del boom economico, riuscirà a proporre diversi spunti di riflessione ma, al contempo, non mancherà di far sorridere e divertire.

Casimiro Cassarà (Nino Spitaleri), impiegato di banca senza troppe pretese, ha non pochi grattacapi con le smisurate velleità di grandezza della moglie Rosa (Serafina Aiello), supportata dai figli "alla moda" Patrizia (Flavia Angioni) e Lello (Giuseppe Militello). Lo scomodo termine di paragone per Rosa è costituito dalla signora Pipitone (Roberta Castro), in apparenza donna che vive nel lusso. Ma spesso le apparenze ingannano, la famiglia Cassarà capirà sulla propria pelle quali siano i veri valori e principi che davvero contano nella vita.

A rendere ancora più divertente e movimentate le gags la presenza sulla scena del nonno don Alfio Cassarà (Marcello Marchese), del maggiordomo Orazio (Salvo La Rosa), del cugino Turi (Luigi Spitaleri), di uno strampalato ladro (Fabio Tringale).

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cultura & Società