SiciliaToday
Il 22 dicembre si presenta a San Cono il libro "Tra cielo e terra" di Vincenzo Firrarello
Dec 17, 2013 - 9:54:23 AM

A Caltagirone, nella zona di Santo Pietro, esisteva un aeroporto, utilizzato durante la seconda guerra mondiale. Probabilmente non sono tanti coloro che conoscono le vicende legate a tale infrastruttura o che ne ricordano i dettagli e i contorni. Per riportare a galla il ricordo di tali accadimenti ed approfondire la conoscenza del territorio calatino, il giovane studioso sanconese Vincenzo Firrarello, appassionato ricercatore di storia, ha spulciato documenti reperiti negli archivi dell’Ufficio Storico dell’Aeronautica Militare, ricostruendo gli eventi che, a far data dal 1937, fecero registrare l’attività del Podestà di Caltagirone, Gravina, e delle autorità militari per individuare una località adatta all’attività aviatoria. Al culmine di analisi del territorio e sopralluoghi, la scelta cadde sulle terre demaniali, in quei luoghi in cui, anni prima, sarebbe dovuta nascere la città di Mussolinia.
Il frutto delle ricerche di Firrarello è raccolto nel volume “Tra Cielo e Terra. L’aeroporto di Santo Pietro -Caltagirone (1937-1942)”, edito da Genius Loci di Ragusa, che sarà presentato al Centro polifunzionale del comune di San Cono il prossimo 22 Dicembre alle ore 19.
Con dovizia di particolari e grande rigore storico, Firrarello ricostruisce le varie fasi relative all’operatività dell’infrastruttura, prima chiamata Campo N. 37, destinata ad accogliere i Reparti della Luftwaffe che la impiegarono da febbraio ad aprile del 1942, poi utilizzata dai reparti di volo italiani, a seguito della partenza dei tedeschi, e chiamata Regio Aeroporto 504.
Ed è proprio grazie a tale base che fu garantita l’operatività del 2° Gruppo Autonomo Caccia Terrestre, uno dei fiori all’occhiello della Regia Aeronautica, richiamato dall’Africa Settentrionale per il passaggio a dei caccia di nuova concezione, i “Reggiane 2001” che furono impiegati per la prima volta, in scenari di guerra, a Santo Pietro. E Mussolini, atterrando a Santo Pietro con un velivolo dallo stesso pilotato, il 24 giugno del ’42, si congratulò personalmente con i piloti italiani che si erano distinti nella battaglia di Mezzo Giugno.
Il libro, impreziosito da un’appendice in cui vengono pubblicati alcuni dei documenti originali dell’epoca, svela retroscena ed eventi posti in secondo piano dalla storiografia ufficiale ma che aiutano a comprendere meglio alcuni profili legati ad una delle più controverse fasi della storia del nostro paese, valorizzando quanto avvenuto nel calatino.