La nuova stagione teatrale dell'associazione "Ridi che ti passa"

Risate e divertimento ma sempre con garbo ed eleganza, evitando di incorrere in volgarità o battute con doppi sensi, potenzialmente capaci di offendere la sensibilità di parte degli spettatori. Una filosofia ed un modus operandi che da sempre caratterizzano l’attività teatrale dell’associazione “Ridi che ti passa”, diretta da Giuseppe Scuderi, e che naturalmente faranno da filo conduttore anche per il nuovo cartellone, in programma a partire dal mese di novembre sul palcoscenico del teatro Abc di Catania, i cui appuntamenti sono stati ufficialmente comunicati ai vecchi ed ai nuovi abbonati. Cinque spettacoli in abbonamento a cui si aggiunge un evento extra: un dosato mix in grado di soddisfare tutti i palati. “Anche per la prossima stagione si rinnoverà la fruttuosa collaborazione con la Compagnia Stabile di Tremestieri e con la Compagnia Figli dell’Arte, - sottolinea il direttore artistico Giuseppe Scuderi, - entrambe proporranno due lavori: la prima porterà sul palcoscenico “Fiat Voluntas Dei” di Giuseppe Magrì con la regia di Filippo Nicosia, un classico del repertorio teatrale siciliano, e “AAA Cercasi” di Nino Mignemi sempre con la regia curata da Nicosia, tipica commedia ricca di equivoci e di fraintendimenti; la seconda si cimenterà in “Il settimo si riposò” di Samy Fayad, opera la cui trama è ricca di situazione paradossali al limite del grottesco, ed “Un letto per sei” di Luca Pandolfo, canovaccio basato sul tema evergreen del tradimento. Il quinto evento in programma sarà, invece, curato da una new entry: il Teatro Stabile Nisseno proporrà “Se devi dire una bugia, dilla grossa” di Ray Cooney con la regia di Angelo Tosto, anche questa commedia si snoda attorno alla tematica del tradimento”. Il sesto spettacolo in cartellone, fuori abbonamento, sarà “Cipria, colonia e … coty” che vedrà protagonista il trasformista Salvo Cosentino, in arte Sally, accompagnato da Alessandra Cardello e dal suo corpo di ballo e da “Quelle del Botticelli”, Angela Coppola e Francesca Litrico.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cultura & Società