Capaci, 20 anni dopo

“La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”. (cit. Giovanni Falcone)

Le loro idee camminano sulle nostre gambe
Oggi, 23 maggio 2012, ricorre il ventesimo anniversario della strage di Capaci nella quale persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo ed i tre agenti della scorta Antonio Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. Un attentato di efferata violenza, avvenuto il 23 maggio 1992 lungo l’autostrada A29 nei pressi dello svincolo di Capaci, seguito a distanza di 57 dalla strage di Via D’amelio nella quale persero la vita il giudice antimafia Paolo Borsellino e la sua scorta composta da Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Due stragi strettamente legate tra loro che insanguinarono ulteriormente una Palermo già fortemente provata da anni bui, fatti di tanto sangue, silenzi e paura. La paura di vivere una vita normale e senza la soffocante ‘cappa’ rappresentata dalla Mafia. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: due Uomini veri che, con il loro estremo sacrificio, sono diventati l’esempio da seguire per tutte le nuove generazioni. Le loro idee camminano sulle nostre gambe.

Gli uomini passano, le idee restano
Diverse le iniziative in programma in tutto il territorio nazionale e in special modo a Palermo. Circa 160 le scuole coinvolte tra Palermo e Provincia:

In mattinata due navi, provenienti da Civitavecchia e da Napoli, con a bordo diverse autorità come il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso e il presidente di Libera don Luigi Ciotti, giungeranno al porto di Palermo. Dopo una cerimonia di benvenuto i circa 2 mila studenti, che parteciperanno alla manifestazione, si divideranno in due gruppi seguendo due percorsi differenti: una parte andrà verso l'aula bunker dell'Ucciardone, l’altra parte, invece, raggiungerà diverse piazze simboliche della città, come piazza Magione e il parco intitolato a Ninni Cassarà. Sempre in mattinata, a Palazzo Branciforte, inaugurazione della mostra fotografica col titolo “Falcone e Borsellino vent’anni dopo. Non li avete uccisi le loro idee cammineranno sulle loro gambe”.

In serata, allo stadio “Renzo Barbera”, in programma alle ore 20.30, la “Partita del Cuore” tra la Nazionale Italiana Magistrati e la Nazionale Italiana Cantanti. Evento sportivo che verrà trasmessa in diretta su Rai. Nell’atrio di Palazzo Sant’Elia, infine, con inizio alle ore 21, performance teatrale “Per Palermo” scritta e diretta da Gianfranco Perriera.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cultura & Società