Pirandello secondo Turi Ferro

Sabato 16 Luglio 2011 nell’aula consiliare del Comune di S. Agata Li Battiati SiciliaToday è stato presente alla conferenza stampa di presentazione della Mostra Fotografica “Pirandello secondo Turi Ferro”.

La manifestazione che ha riscosso notevole presenza di pubblico come “tecnici” del mondo dello spettacolo, attori, registi, studenti ed amanti del teatro è stata curata, ideata e promossa da Enzo Zappulla, presidente dell’ Istituto dello Spettacolo Siciliano, dalla Fondazione Turi Ferro e dal Comune di Battiati.

Gli ospiti che hanno animato la conferenza e reso omaggio alla grande figura del noto attore catanese di fama internazionale sono stati: la nota studiosa Sarah Zappulla Muscarà,il sindaco del comune etneo, Carmelo Galati, il professore Alfio Di Bella, il regista Guglielmo Ferro. Presente, inoltre, alla manifestazione Ida Carrara, compagna di vita e sublime interprete femminile delle più importanti opere di L. Pirandello.

Significativo l’intervento della professoressa Sarah Zappulla Muscarà, la quale ha spiegato come Turi Ferro uomo e artista divenuto, ormai, patrimonio di tutti sia legato alla sua terra natia e come il comune di S. Agata Li Battiati abbia sfatato il luogo comune “nemo profeta in Patria”. Durante la manifestazione, come ha ricordato la nota studiosa, ci si è soffermati, più volte, sull’importanza di sostenere la cultura, l’unico vero mezzo per aspirare ad ottenere un progresso civile. La figura professionale di Turi Ferro e la funzione socio – pedagogica del suo Teatro sono un’opportunità di crescita morale, spirituale e sociale per la nostra società.
Il regista Guglielmo Ferro ha sottolineato e spiegato lo scopo della Fondazione Turi Ferro; infatti il fine di tale progetto è legato alla formazione, allo sviluppo e alla valorizzazione dei giovani talenti siciliani ai quali verrà donata una Borsa di Studio presso le più prestigiose accademie come l’ Actor’s Studio di New York o la London School of Musical Theatre di London, ma si prefigge anche uno scopo umanitario quello di raccogliere fondi per le attrezzature destinate al reparto di “malattie del sangue” dell’ospedale Ferrarotto di Catania. La Fondazione Turi Ferro non persegue scopi di lucro e tutte le cariche sono a titolo gratuito.

La Mostra fotografica è, quindi, il felice esordio di tutta una serie di attività socio – culturali legati alla tutela e valorizzazione della figura e dell’opera di Turi Ferro. Il Presidente dell’ Istituto dello Spettacolo Siciliano ha annunciato, inoltre, l’imminente pubblicazione di un catalogo, Pirandello secondo Turi Ferro, curato dalla professoressa Sarah Zappulla Muscarà e dallo stesso Presidente in svariate lingue per promuovere la figura di Turi Ferro. Vibrante il ricordo del professore Alfio Di Bella sul profilo umano oltre che professionale dell’attore, facendoci conoscere aspetti più familiari ed intimi della vita del grande Maestro.

Turi Ferro, uomo e attore osannato nei maggiori palcoscenici internazionali che ha scelto di non recidere le sue origini e di rimanere nella sua Catania. Un atto d’amore sentito e ricambiato dal suo pubblico, per eccellenza, quello catanese. Una vita dedicata al teatro, vocazione e missione insieme ripercorsa, in parte, grazie a questa Mostra. Tutta la sala è “invasa” dal volto di Turi che ci guarda attraverso le sue magistrali interpretazioni pirandelliane da Liolà al Mago Cotrone dei Giganti della Montagna dramma capolavoro della maturità pirandelliana.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cultura & Società