SiciliaToday
“Sta per me” il nuovo spettacolo proposto dal Gatto Blu
Dec 31, 2013 - 12:24:03 AM

Ci si schierava in cerchio e il primo che enunciava la fatidica frase “Sta per me” si batteva il petto e cominciava a contare per formare le squadre che si contendevano la vittoria del gioco del giorno, adottando le più opportune strategie. Una sorta di assunzione di responsabilità che faceva da prologo alla sfida vera e propria, da affrontare con dignità e decoro a prescindere dall’esito, vittoria o sconfitta che sia. Ricordi di infanzia e di gioventù indelebili, difficilmente cancellabili dai cassetti della memoria. Così come i sentimenti di amicizia su cui si basavano giochi e divertimenti. Ed è proprio su tali legami, profondi e non rescindibili, che si fondano le fortune della compagnia del “Gatto Blu”, intramontabile sodalizio artistico che sul palcoscenico della Sala Harpago di via Vittorio Emanuele, a Catania, ha proposto lo spettacolo “Sta per me”, nell’ambito del cartellone “Come prima… più di prima!”. Un titolo che, preso a piene mani dal tempo che fu, nella sua semplicità “nasconde” tante verità. Cinque amici, Gino (Astorina), Luciano (Messina), Nuccio (Morabito), Pippo (Marziale), Francesca (Agate), che con il sorriso sulle labbra si divertono a rivivere le emozioni di una carriera artistica, ripercorrendo tappe e successi di decenni di palcoscenico, non mancando di incastonare esilaranti riferimenti autobiografici. E il feeling che li lega, la sintonia profonda che pervade le gags, non può che scatenare le risate del numeroso pubblico intervenuto. La trama si snoda attorno alle tragicomiche vicende di una compagnia, proprio quella del Gatto Blu, che ha fatto della comicità, della risata, della spensieratezza una vera e propria ragione di vita. Non mancano, naturalmente, le fustigazioni di usi e costumi della moderna società, dell’attuale panorama politico, di modi di pensare ed agire profondamente radicati. Ma sempre con il sorriso sulle labbra perché, in fin dei conti, non guasta mai affrontare le quotidiane difficoltà con un pizzico di ironia. Si replica sino al prossimo 16 marzo.