Usura ed esperienza bancaria, ne parlano gli avvocati dell'Aiga il 7 maggio al Palazzo dei Benedettini di Cinisi

L’usura come dramma per le famiglie meno abbienti, l’usura come strumento della malavita organizzata, l’usura come tecnica economica che può possedere una sua parvenza di legalità all’interno del mondo economico istituzionalizzato, l’usura come qualcosa che si subisce anche senza rendersene conto attraverso le Finanziarie o le carte di credito revolving.

Un tema delicato che affronteranno gli avvocati dell’Aiga, l’Associazione italiana giovani avvocati, nel corso dell’incontro formativo intitolato “I profili del reato di usura e l’esperienza bancaria” che si terrà venerdì 7 maggio alle 15 nella sala convegni del Palazzo dei Benedettini in piazza Vittorio Emanuele a Cinisi.

L’incontro, organizzato in collaborazione con la Banca Don Rizzo e il Comune di Cinisi, illustrerà prima da un punto di vista tecnico i vari profili del reato e le diverse strategie di difesa dell’avvocato quale difensore dell’usuraio o dell’usurato, per finire con un chiarimento anche sulla vigente normativa di riferimento e sulle prassi bancarie adottate.

L’evento Aiga sarà preceduto dai saluti del sindaco del Comune di Cinisi, l’avvocato Salvatore Palazzolo e dal presidente dell’Aiga Palermo, l’avvocato Filippo Costanza.

Interverranno come relatori: il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, Enrico Sanseverino, il coordinatore nazionale Aiga per il Sud Italia, avvocato Dario Greco, il Giudice presso il Tribunale di Palermo Dottoressa Maria Elena Gamberini, il presidente della Banca Don Rizzo Credito cooperativo per la Sicilia Occidentale Dottor Giuseppe Mistretta. Modera l’avvocato Aldo Ruffino.

«Abbiamo scelto Cinisi per questo incontro - dice l’avvocato Filippo Costanza - per dare un segnale forte e per prendere le distanze da un certo modo di pensare che vuole che certi territori non siano permeabili da puntuali richiami alla legalità. Cinisi, in contrasto con un suo infelice passato, è oggi un territorio libero che non ha problemi a confrontarsi e ad occuparsi fattivamente di temi che hanno connessioni con la criminalità organizzata».

La partecipazione è pubblica, gratuita e da diritto all’attribuzione di crediti formativi nell’ambito della formazione professionale forense.

Per informazioni: info@aigapalermo.it o telefonare al 329 4376560 o al 329 4174550. Sito Internet: www.aigapalermo.it.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Diritto&Diritti