Windjet si ferma. Stop ai voli, a rischio 300mila passeggeri

E' scattato da mezzanotte lo stop ai voli Wind Jet con disagi per i passeggeri e le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra in merito alla riprotezione.

''All'azione ritardata e pressappochista dell'Enac in merito alla vicenda Wind Jet ora si arriva ad una riprotezione scandalosa per chi volesse imbarcarsi su altri voli'' affermano i presidenti dell'Adusbef, Elio Lannutti e di Federconsumatori, Rosario Trefiletti. ''Sotto un condizionamento come quello di non perdersi una vacanza o altro ancora una famiglia dovrebbe sborsare cifre incredibili. Tutto ciò - sottolineano - è molto grave e riteniamo che si debba intervenire anche a livello governativo per sanare questa incredibile situazione''. Inoltre, concludono Trefiletti e Lannutti, ''siamo a chiedere al governo che si faccia piena luce attorno a questa sconsolante vicenda per verificare comportamenti sbagliati sia di parte imprenditoriale che di parte istituzionale quale l'Enac''.

Durissimo il Codacons contro il supplemento da 80 fino a 120 euro chiesto ai passeggeri Wind Jet per la riprotezione sui voli di altre compagnie aeree. ''Si tratta di un balzello assolutamente ingiusto, che viene richiesto a viaggiatori che si trovano in una situazione di necessità e che quindi hanno scarse o nulle possibilità di scelta - dice il presidente Carlo Rienzi - Vista la situazione di emergenza, la riprotezione su altri voli deve avvenire in modo totalmente gratuito per i passeggeri, e le compagnie potranno poi rivalersi su Wind Jet per i costi sostenuti''. Il Codacons sta inoltre studiando la possibilità di una class action da parte dei viaggiatori che in questi giorni hanno subito la cancellazione del volo o pesanti ritardi e infinite attese presso gli aeroporti.

Oggi in una nota è intervenuto anche Roberto Alesse, presidente dell'Autorità di garanzia sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali. ''Pur senza entrare, per ora, nel merito della controversia, non può che destare perplessità il fatto che la rottura delle relazioni tra Wind Jet e Alitalia si stia determinando proprio nel mese di agosto, durante il quale scatta il cosiddetto 'periodo di franchigia', previsto espressamente dalla Regolamentazione del settore del trasporto aereo'' afferma Alesse.
Al riguardo, conclude, ''auspico che si sappia individuare quanto prima una soluzione adeguata a tutela di tutti i cittadini utenti, poiché quello che sta accadendo, pur non configurandosi, ovviamente, come una forma di sciopero, sta producendo effetti dannosi sul piano dell'erogazione del servizio pubblico''.

Intanto Alitalia ha reso noto che per venire incontro alle esigenze di mobilità dei passeggeri di Wind Jet, anche a seguito della sospensione delle operazioni da parte della compagnia catanese, ha allestito nella giornata di ieri 8 voli speciali (4 nazionali e 4 internazionali) che hanno consentito a 750 passeggeri Wind Jet di raggiungere la propria destinazione. Fino a ieri, si precisa, Alitalia ha soccorso, in totale, quasi 3.000 passeggeri della compagnia catanese.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Economia