Occhiale da sole 2008, l’utile che si smaschera

E’ primavera, lo si legge dagli occhi...ali. L’accessorio più estivo e solare, quest’anno decide di esagerare. Si materializza così in tutte sue forme e le enfatizza, portandole all’ennesima potenza. Diventa colorato, estroso, strategico, alle volte asimmetrico e soprattutto, come siliconato, diventa immensamente grande.

Riprende forme diverse per non rischiare di abbandonare alcuno stile. Passa dall’estro per antonomasia, lo stile hippie, vestito di fiori e colori da love e peace e approda infine alle forme di Mary Ping. Lo stilista che, “decolorando” con il bianco e il nero i suoi modelli, dà un tocco di decostruzione in più al suo “back to the future” facendo dell’occhiale un vero e proprio monumento.

L’occhiale da sole vuole scrollarsi di dosso così quella cattiva fama di essere fatto per pochi prediletti, seriosi ed impeccabili. Stravagante o all’avanguardia, nostalgico, fino a dire basta, o supertecnologico, esplicitamente ci chiede di non prendere la moda troppo sul serio.

Con lenti chiare e scure, confessa il motivo della sua esistenza, il contrario cioè di ciò che sempre si è creduto. La timidezza del suo anonimato e il gusto di fare abbassare gli occhi sono sostituiti dalla eccentrica voglia di guardare dritto in faccia e farsi notare…perché l’accessorio serve proprio a questo.

Fastidio per il sole? Forse…ma non solo. L’occhiale da sole vuole dare una contraccolpo all’indispensabile e salutare lente da vista, perché il suo dilettevole è indiscutibile e il suo contatto…è più probabile.
Les lunettes de soleil ci svelano quest’anno il loro vero motivo di esistenza. Vogliono far parlare di sé a chi li indossa. Un lusso che l’occhiale, con le sue forme e i suoi modi di proporsi, con l'esasperazione di sè stesso, vuole fare apparire accessibile a tutti, ma il prezzo per potersi riscattare e riscattarlo rimane accessibile…a chi lo è sempre stato.

E allora, se il classico dichiarava, in qualche modo, la sua esplicita predilezione per certe classi...che classico rimanga…che classico sia, se non altro per non prendere un abbaglio.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Spalla