Diciassettenne accoltellata per gelosia, un arresto$
Web
di Redazione
Si è costituita ai carabinieri, accompagnata dal suo legale, la minorenne che due giorni fa ha ferito con una coltellata una coetanea di 17 anni a Gela per motivi passionali. La vittima è ancora ricoverata con la prognosi riservata in ospedale, ma non è in pericolo di vita. L'arma, un coltello a serramanico di quelli usati dai cacciatori, è stata recuperata grazie alla collaborazione dell'indagata. Le due ragazze frequentano lo stesso corso per estetista e avrebbero litigato per rancori sentimentali mai sopiti. L'accoltellatrice, su disposizione del procuratore per i minorenni di Caltanissetta, Laura Vaccaro, è stata condotta in un centro di accoglienza.
Catania, uccide il figlio di tre mesi lanciandolo a terra: arrestata$
Web
di Redazione
Una donna 26enne è stata arrestata dalla Polizia a Catania con l'accusa di avere ucciso il proprio figlio di tre mesi lanciandolo a terra. Il neonato è morto in ospedale, lo scorso 15 novembre, il giorno dopo il ricovero per le ferite riportate alla testa. La notizia si è appresa oggi, dopo che personale del commissariato Borgo Ognina ha eseguito nei confronti della donna un'ordinanza cautelare in carcere emessa dal Gip, su richiesta della Procura, per omicidio aggravato dall'avere agito contro il discendente.
M5S chiede ritiro della licenza alle guide dell'Etna$
Web
di Redazione
La deputata regionale del M5S Angela Foti ha depositato un’interpellanza all'Ars, dopo l'inchiesta della Procura di Catania sull'affidamento della gara per escursioni, per chiedere al governo regionale di ritirare le licenze «indebitamente ottenute dai vincitori del concorso guide vulcanologiche». Per Foti «si tratta di un provvedimento necessario a restituire credibilità all'operato delle istituzioni e garantire l’imparzialità della Pubblica amministrazione» che «stando ai fatti - afferma la parlamentare - risulta compromessa».
Bronte, il sindaco nega ogni accusa $
Web
di Redazione
Ha rigettato ogni accusa nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Catania il sindaco di Bronte Graziano Calanna, agli arresti domiciliari per istigazione alla corruzione nell’ambito dell’operazione ‘Aetna’ della guardia di finanza coordinata dalla Procura. Lo rendono noto i suoi legali, gli avvocati, Carmelo Peluso e Maria Mirenda, sottolineando che “ha risposto a tutte le domande del giudice”. Calanna ha “negato decisamente di aver chiesto utilità illecite per se o per i propri amici e dimostrando come nel particolare caso di finanza di progetto, la ipotizzata condotta di istigazione alla corruzione sarebbe stata del tutto impraticabile”.
Escursioni Etna, cinque arresti: tra loro importante editore $
Web
di Redazione
La Guardia di Finanza ha messo agli arresti domiciliari cinque persone nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Catania sulla "gestione monopolistica delle escursioni sull'Etna". Tra loro l'imprenditore Francesco Augusto Russo Morosoli, di 41 anni, e il dirigente dell'area tecnica del Comune di Linguaglossa, Francesco Barone, di 65, indagati per turbata libertà degli incanti e corruzione. L'inchiesta riguarda la gara per "l'affidamento del servizio di trasporti a fini turistici sul versante Nord dell'Etna, con pista rotabile di Piano Provenzana, dal 2016 al 2018" e per "l'affidamento in concessione di un immobile del Comune a Monte Conca nel 2018".
Rapina al centro commerciale; il basista era la guardia giurata $
Web
di Redazione
Due persone, tra cui una guardia giurata, sono state arrestate dai carabinieri perché ritenute responsabili di una rapina con sequestro di persona avvenuta il 16 luglio scorso nel negozio di abbigliamento “Piazza Italia” del centro commerciale Katanè, a Gravina di Catania (Catania).
Dipendente della SoStare aggredito a Catania$
Web
di Redazione
Un dipendente di Sostare è stato picchiato nella tarda serata di ieri dal proprietario di un’auto, parcheggiata nello stallo delle strisce blu di via Vittorio Emanuele, perché si era rifiutato di annullargli la multa per l’assenza del biglietto che autorizzava la sosta.
Omicidio Zera, tracce di sangue sugli abiti del marito$
Web
di Redazione
Tracce di sangue dell'ex moglie, Maria Zarba, di 66 anni, sono stati trovati dalla polizia scientifica sull'orologio, i vestiti e il tappettino dell'auto di Giuseppe Panascia, di 73 anni, che è in carcere con l'accusa di averla uccisa. E' quanto emerge dal rapporto delle indagini sul delitto, commesso l'11 ottobre scorso a Ragusa in casa della vittima, redatto dalla squadra mobile della Questura e inviato alla Procura. Oltre ai reperti comparati del Dna della donna con le tracce ematiche, agli atti dell'inchiesta sono stati allegati i video che riprendono l'uomo dirigersi nella casa dove l'ex moglie viveva da sola e andare poi via a bordo della sua auto.
Catania in dissesto? Si venda la fontana del Tondo$
Web
di Redazione
"Svendesi 1 mln di euro causa dissesto". E' la scritta provocatoria su uno striscione comparso stamane a Catania sulla facciata della monumentale fontana del Tondo Gioeni ad opera della "Rete dei movimenti, degli spazi sociali, dei partiti e delle associazioni in mobilitazione".
Sicilia, 42 indagati per assenteismo alla Regione$
Web
di Redazione
Operazione della Guardia di Finanza contro 42 cosiddetti 'furbetti del cartellino": militari delle Fiamme Gialle hanno posto agli arresti domiciliari 11 dipendenti dell'assessorato regionale alla Salute di piazza Ottavio Ziino a Palermo. Altri 11 hanno avuto notificato l'obbligo di firma e altri 20 sono stati denunciati in stato di libertà. Secondo la Procura di Palermo dalle indagini è "emersa una consolidata prassi di assenteismo ingiustificato" con "presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate". Gli indagati, secondo l'accusa, grazie alla mutua collaborazione fra loro, tramite lo scambio dei badge e l'utilizzo improprio dei pc aziendali, riuscivano in modo sistematico ad attestare false presenze.
Advertisement
Advertisement