Catania, allarme autobomba al tribunale$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Ore di preoccupazione questa mattina al Tribunale di Catania, a pochi passi dalla caserma dei Carabinieri di piazza Verga per un allarme bomba, poi fortunatamente rientrato. Davanti al Palazzo dell’ex Pretura, oggi sede degli uffici della procura, da qualche giorno si trovava parcheggiata, un Ford Fiesta grigia, rubata a un turista la notte tra il 15 e 16 ottobre. L’auto è stata ispezionata e non è stata trovata alcuna traccia di esplosivo.
Caltagirone, oppresso dai debiti si dà fuoco$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
La crisi ha nuovamente colpito: Vincenzo Intonato, di anni 54, è morto dopo essersi cosparso di benzina. L’uomo che viveva a Caltagirone, in provincia di Catania, era un imprenditore edile, settore notevolmente colpito dalla crisi economica. L’uomo, a causa di investimenti sbagliati, aveva accumulato diversi debiti. L’intervento del 118 e l’arrivo immediato dei medici, chiamati da braccianti che avevano visto le fiamme ed il fumo, sono stati inutili.
Ebola:
Web
di Carlo Galati (Twitter: @carlogalati)
“Gli infermieri siciliani non sono adeguatamente preparati a fare fronte ad eventuali casi di Ebola: non hanno ricevuto una formazione specifica nè rispetto alla malattia nè circa l’utilizzo dei dispositivi di protezione. Inoltre, in molti ospedali tali dispositivi, come tute e maschere, mancano ancora”. A denunciarlo è Osvaldo Barba, segretario regionale del sindacato delle professioni infermieristiche Nursind.
Auto contro un muro, morti due giovani nel trapanese$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Grave incidente in Sicilia, sulla strada statale 119, nel Trapanese: due giovani, Rossella Patti ed Antonino Graffeo, sono morti a causa dello schianto della loro auto, una seat Arosa, contro un muro di una casa in costruzione. L’incidente è avvenuto martedì sera alla periferia di Santa Ninfa, un paese della Valle del Belice in provincia di Trapani.
Comiso, con un colpo di fucile uccide la figlia$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Terribile omicidio a Comiso, nel Ragusano, dove una donna tunisina è stata uccisa con un colpo di pistola dal padre. I due avevano litigato per motivi economici, e nella lite era stato coinvolto anche il marito della 37enne, tunisino. L’omicida è stato, successivamente, rintracciato e arrestato dalla polizia.
Catania, donna uccisa dalla caduta di una palma$
Web
di Redazione (twitter: @siciiatoday)
Tragedia nel centro di Catania. Una donna di 49 anni è morta travolta da una palma abbattuta dal forte vento in piazza Cutelli. La vittima, moglie di un sottufficiale della Guardia di finanza, era seduta su una panchina con la figlia di 25 anni. Inutili i soccorsi di personale del 118, accorso sul posto assieme ai Vigili del fuoco. E' deceduta sul colpo.
Crocetta risponde a Grillo:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Beppe Grillo oggi è un barbaro politicante che cerca i voti della mafia per fini di potere, va a braccetto con Dell'Utri e Di Vincenzo, è xenofobo e razzista, insulta le persone anche per le proprie scelte individuali". Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, commenta le dichiarazioni di domenica sera di Beppe Grillo, a Palermo per lo "sfiducia day", sulla mafia e nei suoi confronti.
Trattativa Stato Mafia: si avvicina interrogatorio con Napolitano$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La sala scelta dovrebbe essere quella del Bronzino. È lì, dove abitualmente il presidente della Repubblica incontra i Capi di Stato ospiti prima dei colloqui ufficiali, che Giorgio Napolitano testimonierà al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, davanti alla corte d'assise di Palermo per l'occasione in trasferta al Quirinale.
Grillo allo
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
"La mafia è stata corrotta dalla finanza, prima aveva una sua condotta morale e non scioglieva i bambini nell'acido. Non c'è differenza tra un uomo d'affari e un mafioso, fanno entrambi affari: ma il mafioso si condanna e un uomo d'affari no". Lo ha detto Beppe Grillo nel suo comizio per lo "Sfiducia day", iniziativa del M5S contro il governatore Rosario Crocetta, davanti al Parlamento siciliano.
Catania, senegalese uccide ex fidanzata che voleva lasciarlo$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Nuovo caso di femminicidio a Catania. Una donna di 30 anni, Veronica Valenti, è stata uccisa a coltellate nella zona della stazione centrale di Catania dal suo ex fidanzato, un senegalese di 27 anni. L'uomo è stato arrestato dalla squadra mobile e ha confessato spontaneamente di averla assassinata al culmine di una lite, perché lei aveva rifiutato di riallacciare la loro relazione.

 |  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395

Advertisement
Advertisement