Palermo, per errore sul sito del comune fittizi risultati elettorali$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Risultati parziali sulle comunali palermitane sono apparsi e poi sono stati rimossi dal link http://comunali2017.comune.palermo.it/TOT_1_82053.xml. Per pochi istanti nella sezione dedicata alle comunali di domani - urne aperte dalle 7 alle 23 - sono apparse percentuali di voto relative ai candidati a sindaco e alle liste.
Catania, ruba in casa e violenta 28enne: arrestato$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Dopo essersi recato per un malore nel Pronto Soccorso dell'Ospedale Garibaldi Centro di Catania, si sarebbe introdotto nella vicina abitazione di una giovane donna, l'avrebbe malmenata e ne avrebbe abusato sessualmente prima di allontanarsi portando con sé alcuni oggetti. E' quanto contestato ad un giovane di 28 anni, Sebastiano Balsamo, fermato dalla Polizia di Stato in base ad un provvedimento della Procura per violenza sessuale, rapina e lesioni aggravate.
Processo Stato-Mafia, Riina partecipa in videoconferenza$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il boss mafioso Totò Riina si è presentato davanti ai giudici di Palermo in videoconferenza dall'ospedale di Parma per seguire l'udienza del processo sulla trattativa Stato-mafia ma come ieri (nel processo a Firenze sulla strage del treno 904) era disteso su una barella. Riina è detenuto a Parma dal 2013, ed è da 24 anni in carcere.
Cassazione assolve definitivamente Mori e Obinu$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La Cassazione ha respinto il ricorso della procura generale di Palermo contro la sentenza di assoluzione nei confronti dell'ex generale dei Carabinieri, Mario Mori, e del colonnello Mauro Obinu, imputati di favoreggiamento aggravato alla mafia. I due alti ufficiali dell'Arma sono quindi assolti definitivamente dall'accusa dopo l'assoluzione in Appello.
Catania, nuova aggressione al
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Ha minacciato con un taglierino un medico del pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele di Catania, poi ha puntato l'arma al collo di un infermiere per obbligarli a consegnargli un farmaco e infine ha colpito al torace un vigilantes che era intervenuto per disarmarlo, procurandogli una lesione guaribile in 21 giorni.
Riina in videoconferenza per processo strage treno 904$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Totò Riina è collegato in videoconferenza dal carcere di Parma con il tribunale di Firenze dove poco fa si è aperta l'udienza per il processo davanti alla corte d'assise d'appello di Firenze per la strage del treno 904. Il boss, che segue l'udienza disteso su una barella, è imputato come mandante della strage che il 23 dicembre 1984 causò 16 morti e 260 feriti sul convoglio Napoli-Milano.
Paternò, denunciati 71 dipendenti dell'ospedale per assenteismo $
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Settantuno dipendenti dell'ospedale 'Santissimo Salvatore' di Paternò, tra medici e infermieri, sono indagati nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Catania su presunti casi di 'assenteismo'. Militari della guardia di finanza e carabinieri, scrive il quotidiano La Sicilia, stanno notificando avvisi di garanzia che ipotizzano, a vario titolo, i reati di falso e truffa.
Priolo, arriva la sentenza dei giudici:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
L'esposizione all' amianto ha riguardato tutti i lavoratori del petrolchimico di Priolo Gargallo e tutti gli abitanti della zona. Lo scrive la Corte d'appello di Roma nelle motivazioni della sentenza che ha riconosciuto la rendita, per gli eredi di un operaio siracusano, a carico dell'Inail. L'avvocato Ezio Bonanni, presidente dell'Osservatorio nazionale sull'amianto e legale dei familiari della vittima, definisce "shock" questa sentenza.
Palermo, Procura indaga su Palermo calcio dopo esposto creditori$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La procura apre un fascicolo di "atti civili" per verificare se ci siano le condizioni per avanzare al tribunale l'istanza di fallimento del Palermo calcio, dopo esposti e denunce di creditori. La società avrebbe un buco di 120 milioni. Le indagini, condotte dalla Guardia di finanza, sono coordinate dai pm del capoluogo siciliano Francesca Dessì e Andrea Fusco. Al momento non ci sono indagati. La procura esercita il ruolo che la legge le consente anche sulle questioni civilistiche.
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il "diritto a morire dignitosamente" va assicurato ad ogni detenuto. Tanto più che fermo restando lo "spessore criminale" va verificato se Totò Riina possa ancora considerarsi pericoloso vista l'età avanzata e le gravi condizioni di salute. La Cassazione apre così al differimento della pena per il capo di Cosa Nostra, ormai ottantaseienne e con diverse gravi patologie.
Advertisement
Advertisement