Manfredi Borsellino:
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Dopo il commovente intervento a Palazzo di Giustizia, in difesa della sorella Lucia, Manfredi Borsellino spiega di non aver avvisato nessuno delle sue intenzioni. ”Lucia non poteva parlare e ci ho pensato io. Nulla di concordato. Lei, in vacanza con nostra sorella Fiammetta a Pantelleria, non si aspettava niente di tutto questo. Io non ci ho dormito la notte”.
Manfredi Borsellino:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
"Da oltre un anno mia sorella Lucia era consapevole del clima di ostilità e delle offese subite solo per adempiere il suo dovere, in corsi e ricorsi drammatici che ricordano la storia di mio padre". Lo ha detto Manfredi Borsellino, figlio del magistrato ucciso nel 1992, parlando della sorella, ex assessore alla Sanità, durante le commemorazioni della strage di via D'Amelio. "Lucia ha portato una croce: voleva una sanità libera in Sicilia", ha aggiunto.
Catania, blitz e controlli su tutto il territorio$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Nel quadro dei servizi predisposti dal Questore di Catania, personale della “Sezione Volanti” dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, collaborato da equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Catania, e dalla Polizia Locale, nella serata di ieri ha espletato un servizio straordinario di controllo del territorio, nel contesto del piano di azione denominato “Modello Trinacria”, finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati in genere.
Ad Acireale vinti 21 milioni al SuperEnalotto$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Vincita milionaria al superenalotto nell'estrazione di questa sera: ad Acireale, in provincia di Catania, è stata realizzata una vincita con punti 6 di oltre 21 milioni di euro (21.856.879,71). La schedina vincente è stata giocata presso il punto vendita Sisal «Tabacchi Loria», in Corso Savoia, 76 con un sistema «5 pann scelta ss». Per il prossimo concorso il jackpot stimato a disposizione dei punti 6 è di 6.400.000 euro.
Fallimento WindJet: quattordici indagati per bancarotta fraudolenta$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Quattordici persone, tra cui Antonino Pulvirenti, sono indagate dalla Procura della Repubblica di Catania per bancarotta fraudolenta in relazione al dissesto della compagnia aerea low cost Wind jet, ammessa alla procedura di concordato preventivo con un passivo di oltre 238 milioni di euro. Lo ha reso noto con un comunicato la Procura etnea, aggiungendo di aver emesso avvisi di garanzia agli indagati, che sono stati invitati a presentarsi per rendere interrogatorio. L'indagine è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Catania.
Operazione antidroga
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Undici misure cautelari, sei arresti domiciliari e cinque obblighi di dimora, sono state eseguite all’alba di stamane dai carabinieri nell’Agrigentino, fra Licata e Canicattì, e nel Nisseno, a San Cataldo, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. I provvedimenti sono stati emessi dal gip del tribunale di Agrigento nell’ambito di una indagine su un presunto giro di sostanze stupefacenti, soprattutto eroina.
Incidente sulla Palermo-Sciacca: tre morti$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Il bilancio tragico di ieri racconta di altre tre vite spezzate sulla statale 624 Palermo-Sciacca. Agostino Bufalo, 36 anni di San Giuseppe Jato, Giancarlo Spina, 21 anni di San Cipirello e il sessantatreenne Beraldo Angino originario di Castelllo di Godego, in provincia di Treviso. Quest'ultimo viaggiava, insieme alla moglie, a bordo di una Peugeot 307 grigia.
Agrigento, procura dà ultimatum al comune: 650 case da abbattere$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La Procura di Agrigento ricorda all’amministrazione comunale l’ultimatum lanciato un mese fa, che intimava al Comune di provvedere all’abbattimento dei circa 650 immobili costruiti abusivamente nella Valle dei Templi, dove vige il vincolo di inedificabilità assoluta. La missiva è stata inviata al sindaco di Agrigento Calogero Firetto (eletto un mese e mezzo fa), all’Utc, alla Sovrintendenza e al Parco archeologico.
Adrano, otto arresti nel clan Scalisi$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La polizia di Stato ha eseguito nel Catanese, su delega della procura distrettuale Antimafia etnea, misure cautelari nei confronti di otto presunti affiliati al clan Scalisi, alleato della famiglia Laudani di Catania ed operante nel comprensorio di Adrano. Le accuse sono associazione mafiosa ed estorsione con l'aggravante di essere un'associazione armata. Con l'operazione la polizia ha decapitato i vertici della cosca mafiosa. Le indagini sono state condotte dalla squadra mobile di Catania e dal commissariato di Adrano.
A-19: il 10 agosto il via ai lavori della bretella$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
I lavori per la costruzione della bretella del ponte Himera sulla A19 Palermo-Catania prenderanno il via il prossimo 10 agosto. Lo ha deciso la conferenza dei servizi dando così l’ok definitivo al cronoprogramma stilato dal commissario nominato da Roma, Marco Guardabassi.
Advertisement
Advertisement