Palermo, chiuso centro massaggi in realtà casa di prostituzione$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Ogni dieci prestazioni, una in omaggio. E ancora vasche da bagno di rovere, letti matrimoniali e luci soffuse, con un tariffario che arrivava sino a 100 euro. Sono alcune delle offerte del centro massaggi 'Oriente massaggi' finito al centro di un'indagine per prostituzione condotta dal commissariato di Porta Nuova, a Palermo. Il centro, sito in un piano terra di via Rosina Anselmi, è stato posto sotto sequestro.
Omicidio Loris, indagato anche il nonno paterno$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La Procura di Ragusa ha indagato per omicidio e occultamento di cadavere Andrea Stival, il suocero di Veronica Panarello, nell'ambito dell'inchiesta sulla morte del nipote dell'uomo, Loris. 'iscrizione, si sottolinea in ambienti attivi nelle indagini, è un atto dovuto dopo le dichiarazioni della donna che lo ha chiamato in correità, sostenendo che fossero amanti.
Acireale, i dipendenti indagati si difendono$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Hanno risposto alle domande del gip Giovanni Cariolo i quindici dipendenti del Comune di Acireale ‘assenteisti’ indagati per truffa e falso dalla Procura di Catania. In tutto sono 62 gli impiegati coinvolti nelle indagini della polizia: tre sono finiti ai domiciliari, dodici hanno l’obbligo di firma e 47 sono quelli denunciati.
Precari siciliani assunti in aziende senza essere avvisati: Inps segnala il caso$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Assunti in ditte a Salerno, a Crotone, a Genova, a Taranto ma senza aver mai lavorato e ritrovandosi con richieste di disoccupazione mai presentate incompatibili col sussidio di cui sono beneficiari e che ora rischiano di perdere. A essere coinvolti, in quella che si profila come una maxi truffa, sono un centinaio di persone, precari siciliani appartenenti al bacino dei cosiddetti "ex Pip".
Catania, litiga con un cliente e lo accoltella$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Litiga con il cliente e lo accoltella. E’ accaduto ieri pomeriggio a Catania, in un negozio di articoli sportivi in piazza Santa Maria della Guardia. Cristian Arcidiacono, figlio trentenne del proprietario, è intervenuto durante una discussione tra il padre e il cliente aggredendo quest’ultimo alle spalle.
Catania, sgomberato un palazzo: evacuati 17 nuclei familiari$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Sgomberato da Carabinieri e Polizia questa mattina un palazzo in via Furnari a Catania a causa delle "condizioni di inagibilità e di estrema pericolosità". " Non potevamo continuare a lasciare le famiglie in quel palazzo facendo correre gravissimi rischi in particolare ai bambini", ha riferito il vicesindaco Marco Consoli. Diciassette i nuclei familiari che vivevano abusivamente nello stabile pericolante.
Accordo raggiunto, riparte Termini Imerese$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Invitalia e Blutec, azienda specializzata nella produzione di componentistica per il settore automotive, hanno firmato un contratto di sviluppo per riconvertire e riqualificare il polo industriale di Termini Imerese. L’accordo, si legge in una nota, è stato siglato a Roma da Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, e Cosimo Di Cursi, amministratore unico di Blutec.
Siracusa, il Castello Svevo rischia di crollare: indagato Crocetta$
Web
di Redazione (Twitter: @sicliatoday)
Omissione di atti d'ufficio, danneggiamento del patrimonio archeologico storico e omissioni di lavori in edifici in rovina. Sono queste le accuse che pesano sul governatore siciliano, Rosario Crocetta, sull'ex presidente Raffaele Lombardo e su quattro dirigenti regionali, tutti coinvolti nell'inchiesta che riguarda il Castello Svevo di Augusta, sequestrato di carabinieri di Siracusa su disposizione del gip Michele Consiglio.
Fotovoltaico e tangenti, condannato ex deputato Bonomo$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La terza sezione del Tribunale di Palermo ha condannato a sei anni e mezzo l'ex deputato regionale Mario Bonomo e a quattro anni e mezzo il nipote Marco Sammatrice. Entrambi erano accusati di induzione indebita a dare o promettere utilità. I due sono finiti nell'inchiesta sul presunto giro di tangenti negli affari del fotovoltaico.
Pulvirenti e il crac WindJet: si decide sulla libertà e sul sequestro del patrimonio$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Sarà discusso domani, davanti al Tribunale del riesame, il ricorso presentato dai legali del presidente della Wind jet, l'ex patron del Calcio Catania, Antonino Pulvirenti, e dell'amministratore delegato della società low cost, Stefano Rantuccio, agli arresti domiciliari per bancarotta fraudolenta per il buco di bilancio della compagnia aerea.
Advertisement
Advertisement