Si risveglia dal coma bimbo colpito da crollo intonaco$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
"Si è svegliato" il bambino di un anno ricoverato nel reparto rianimazione del Policlinico di Messina dopo essere rimasto ferito sabato scorso insieme ad un 30enne disabile nel Duomo della cittadina dal crollo di un pezzo di intonaco durante un matrimonio. Lo ha reso noto in un comunicato nel quale la Diocesi esprime "rammarico e dispiacere" per l'accaduto, il vescovo di Acireale, Mons. Antonino Raspanti dopo averlo appreso dalla madre del piccolo.
Paziente morta, ospedale dovrà risarcire $
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il giudice della terza sezione Civile del Tribunale di Palermo Giuseppe Rini ha condannato l'azienda sanitaria Villa Sofia Cervello e quattro medici a risarcire con 850 mila euro i familiari di Maria Grazia Li Vigni che a soli 32 anni è morta, il 6 gennaio del 2012, dopo essere stata visitata e dimessa tre volte dal pronto soccorso. Per la dottoressa Maria Antonietta Geraci, difesa dall'avvocato Francesco Pepe, il giudice ha respinto la richiesta di risarcimento.
Statua Falcone, la Procura apre un'inchiesta$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
La Procura di Palermo ha aperto un'indagine sul raid vandalico nella scuola Giovanni Falcone in via Pensabene, allo Zen a Palermo, e sul rogo di un cartellone con una immagine del magistrato posizionato davanti ai cancelli della scuola Alcide De Gasperi. Il fascicolo è stato affidato al sostituto Categoria Malagoli della Dda.
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Totò Riina ha la "piena capacità di intendere e di volere" e quella di "stare in giudizio". Lo hanno deciso i giudici milanesi respingendo la richiesta della difesa di sospensione del processo, nel quale è imputato per minacce al direttore del carcere di Opera, e anche l'istanza di una perizia per valutare la capacità processuale. Il Tribunale nell'ordinanza ha evidenziato che nella relazione dei medici di Parma viene scritto che il boss è "vigile" e "collaborante".
Staccata la testa alla statua di Falcone$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
È stata danneggiata la statua di Giovanni Falcone che si trova davanti alla scuola intitolata al giudice assassinato dalla mafia nella strage di Capaci. Alla statua sono stati staccati la testa e un pezzo del busto, poi usati come ariete contro il muro dell'istituto scolastico, che si trova in via Pensabene, nel quartiere Zen. Sulla vicenda è stata aperta una indagine. Immediato il commento su Twitter del premier Paolo Gentiloni: "Oltraggiare la memoria di Falcone è una misera esibizione di vigliaccheria".
Continuano gli incendi attorno a Messina: sgomberate alcune case$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Non si attenua la morsa degli incendi nelle colline e nelle pinete che sovrastano Messina, nelle frazioni di San Michele e Annunziata. Continuano, anche oggi e senza sosta, le operazioni di spegnimento delle squadre dei vigili del fuoco, supportate dagli interventi dei Canadair del corpo nazionale dei vigili del fuoco.
Catania, getta candeggina addosso alla moglie: arestato$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Un impiegato di 26 anni è stato arrestato dai carabinieri la notte scorsa ad Aci Castello (Catania) per avere malmenato la moglie di 23 anni incinta di 4 mesi del secondo figlio, alla quale ha anche versato addosso della candeggina in presenza del primogenito di appena un anno.
Etnaland, 22enne gelese muore dopo un malore$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
«Siamo intervenuti immediatamente con la nostra equipe medica e infermieristica, abbiamo tentato di rianimarlo più volte con il defibrillatore e somministrato i farmaci necessari. Nel frattempo abbiamo anche chiesto l'intervento del 118 e di un elisoccorso che sono arrivati immediatamente. Purtroppo dopo circa un’ora e mezza il ragazzo è deceduto». E’ quanto ha dichiarato Francesco Russello, direttore del parco giochi Etnaland, dove questa mattina ha perso la vita, per cause naturali, un ventiduenne di Gela.
Algerino espulso, minacciava stragi in Italia $
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un algerino di 48 anni, Larbi Rouabhia, indagato per discriminazioni razziali e apologia di delitti di terrorismo su indagini della Digos di Catania, è stato espulso dall'Italia. Era ospite del Cie di Caltanissetta. E' stato rimpatriato ad Algeri con un volo da Roma. Aveva più volte manifestato la sua avversione alle culture e ai sistemi occidentali vantandosi di aver sgozzato numerosi uomini in Algeria. Avrebbe inneggiando ad Allah e all'ISIS, minacciando di compiere "stragi" nel nostro Paese ai danni di "bambini italiani, tagliando le loro teste e facendosi esplodere".
Catania, bimbo di sei anni annega alla Plaia$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
E' stato ritrovato nelle acque del villaggio Ippocampo di mare, in zona Vaccarizzo, il corpicino senza vita del piccolo Francesco Nicolosi, 7 anni, che solo poco prima giocava sulla battigia insieme ad altri bambini. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che i compagnetti avessero deciso di tuffarsi in mare, le cui condizioni erano quelle ideali per fare un bagno in tutta tranquillità, ma non si sarebbero resi conto che uno di loro non ci fosse più.
Advertisement
Advertisement