Provenzano resta al 41-bis$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto il ricorso del legale del boss Bernardo Provenzano, l'avvocato Rosalba Di Gregorio, con cui si chiedeva la revoca del 41 bis per il capomafia. Nonostante il boss sia in condizioni gravissime e in stato quasi vegetale, per i magistrati resta il pericolo di contatti tra Provenzano e l'organizzazione mafiosa.
Mafia, colpo al clan dei
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Beni per 8 milioni di euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Catania al boss latitante 'Nuccio' Mazzei, figlio dello storico capomafia Santo, detto 'U carcagnusu', collegato con Bagarella e Brusca e detenuto al 41bis. E' ricercato dall'aprile 2014 per avere riciclato i proventi di estorsioni e di bancarotte aggravate dal metodo mafioso. Sigilli sono stati posti a 4 immobili, 3 auto, quote societarie, conti correnti, fondi di investimento, titoli e risparmi.
Veronica incontra il marito:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Sono passati quasi 30 giorni da quando Veronica Panarello è finita in manette, accusata di avere ucciso il figlio Loris lo scorso 29 novembre nel ragusano. E oggi per la prima volta la donna ha ricevuto la visita del marito Davide Stival. "Immagini dicono che non sei innocente" Veronica "dice di essere innocente, ma le immagini delle telecamere dicono un'altra cosa". E' la contestazione mossa da Stival alla moglie durante il colloquio nel carcere di Agrigento. L'incontro era stato organizzato da tempo in un giorno festivo per rimanere riservato.
Catania, suicida un poliziotto penitenziario$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Un poliziotto penitenziario di 46 anni in servizio al nucleo traduzioni della casa vircondariale di Catania Bicocca, si è tolto la vita, nel primo pomeriggio, a bordo della sua macchina nelle campagne di Caltagirone, vicino al penitenziario della cittadina sicula. Ne danno notizia il Sindacato autonomo polizia penitenziaria e l’Osapp.
Viadotto crollato, prova a difendersi l'azienda appaltatrice$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
«Non c'è stato assolutamente alcun rischio per il traffico e la sicurezza delle persone» nella vicenda della rampa di accesso al viadotto siciliano (sulla tratta Palermo-Lercara Friddi, 1° stralcio, in corso di potenziamento) crollata nei giorni scorsi, di cui è emersa notizia il 4 gennaio. Prova a gettare acqua sul fuoco Dario Foschini, da molti anni amministratore delegato del colosso delle costruzioni Cmc impresa capofila del general contractor affidatario dei lavori in oggetto.
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
"Inizialmente pensavo a uno scherzo. Poi in sacrestia ho scoperto che era tutto vero e la cosa mi ha un po' stordito anche perché non ne sapevo nulla". Così il vescovo di Agrigento, Francesco Montenegro, ha commentato la sua nomina a cardinale annunciata ieri da Papa Francesco. Monsignor Montenegro ha rivelato di avere telefonato al Papa "ringraziandolo per la fiducia; mi ha chiesto di lavorare in povertà. Non mi ha fatto alcuna raccomandazione se non quella frase 'vivi in povertà".
Catania ricorda Pippo Fava$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Sono passati 31 anni da quello che è ritenuto il secondo delitto di mafia ai danni di un intellettuale. Il primo fu Peppino Impastato, ucciso il 9 maggio 1978, il secondo, appunto, fu Pippo Fava. Giornalista, sceneggiatore, scrittore, direttore de «I Siciliani», fu ucciso a Catania il 5 gennaio 1984, freddato con cinque colpi di pistola appena sceso dalla sua auto, mentre andava a prendere il nipote, che recitava in uno spettacolo teatrale.
Crolla, viadotto sulla Palermo-Agrigento inaugurato a Natale$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Era stato inaugurato alla vigilia di Natale, il viadotto Scorciavacche sulla Palermo-Agrigento, con l’orgoglio di dire che i lavori erano stati completati con tre mesi di anticipo. Ed è crollato a Capodanno: l’Anas ha parlato di «un anomalo cedimento del piano viabile in corrispondenza del rilevato retrostante della spalla del viadotto». In parole povere, metà della carreggiata è sprofondata, e la restante presenta una profonda spaccatura. Il premier Renzi: "Chi è stato pagherà".
Veronica Panarello dal carcere:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Resta nel carcere di Agrigento Veronica Panarello, la 26enne accusata di avere ucciso il figlio Loris, di 8 anni, il 29 novembre a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Catania che ha rigettato la richiesta di annullamento dell'ordinanza di arresto della donna per omicidio e occultamento di cadavere. Il legale di Davide Stival, il marito di Veronica: "E' la conferma di un'ipotesi dolorosa".
Nominato un siciliano tra i cardinali elettori$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
E' arcivescovo di Agrigento, ma a Lampedusa tutti, a cominciare dal sindaco, lo chiamano "don Franco". Il 14 febbraio don Franco, potrà fregiarsi addirittura del titolo di cardinale, e calzare la berretta rosso porpora. Mons. Francesco Montenegro, messinese nato nel '46, è uno degli animatori della accoglienza alle migliaia di immigrati che dal mare sbarcano sull'isola cercando una nuova possibilità di vita. Era presente a fianco di papa Francesco nel primo viaggio del pontificato, nel luglio 2013 a Lampedusa.
Advertisement
Advertisement