Omicidio Nobile, bidello condannato a 16 anni$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
E' stato condannato a 13 anni di reclusione il bidello Salvatore Lo Presti che, a pochi giorni dalla pensione, uccise a colpi di pistola la professoressa di Religione, Giovanna Nobile. L'omicidio avvenne il 15 giugno 2013 nella scuola 'Francesco Pappalardo' di Vittoria. La sentenza, col rito abbreviato, è del Gup di Ragusa, Claudio Maggioni, che ha concesso l'attenuante della semi infermità mentale all' imputato. Riconosciuto una provvisionale di 1,2 milioni euro alle parti civili.
Crocetta risponde a Grillo:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Beppe Grillo oggi è un barbaro politicante che cerca i voti della mafia per fini di potere, va a braccetto con Dell'Utri e Di Vincenzo, è xenofobo e razzista, insulta le persone anche per le proprie scelte individuali". Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, commenta le dichiarazioni di domenica sera di Beppe Grillo, a Palermo per lo "sfiducia day", sulla mafia e nei suoi confronti.
Catania, senegalese uccide ex fidanzata che voleva lasciarlo$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Nuovo caso di femminicidio a Catania. Una donna di 30 anni, Veronica Valenti, è stata uccisa a coltellate nella zona della stazione centrale di Catania dal suo ex fidanzato, un senegalese di 27 anni. L'uomo è stato arrestato dalla squadra mobile e ha confessato spontaneamente di averla assassinata al culmine di una lite, perché lei aveva rifiutato di riallacciare la loro relazione.
Grillo allo
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
"La mafia è stata corrotta dalla finanza, prima aveva una sua condotta morale e non scioglieva i bambini nell'acido. Non c'è differenza tra un uomo d'affari e un mafioso, fanno entrambi affari: ma il mafioso si condanna e un uomo d'affari no". Lo ha detto Beppe Grillo nel suo comizio per lo "Sfiducia day", iniziativa del M5S contro il governatore Rosario Crocetta, davanti al Parlamento siciliano.
Trattativa Stato Mafia: si avvicina interrogatorio con Napolitano$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La sala scelta dovrebbe essere quella del Bronzino. È lì, dove abitualmente il presidente della Repubblica incontra i Capi di Stato ospiti prima dei colloqui ufficiali, che Giorgio Napolitano testimonierà al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, davanti alla corte d'assise di Palermo per l'occasione in trasferta al Quirinale.
Catania, donna uccisa dalla caduta di una palma$
Web
di Redazione (twitter: @siciiatoday)
Tragedia nel centro di Catania. Una donna di 49 anni è morta travolta da una palma abbattuta dal forte vento in piazza Cutelli. La vittima, moglie di un sottufficiale della Guardia di finanza, era seduta su una panchina con la figlia di 25 anni. Inutili i soccorsi di personale del 118, accorso sul posto assieme ai Vigili del fuoco. E' deceduta sul colpo.
Comiso, con un colpo di fucile uccide la figlia$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Terribile omicidio a Comiso, nel Ragusano, dove una donna tunisina è stata uccisa con un colpo di pistola dal padre. I due avevano litigato per motivi economici, e nella lite era stato coinvolto anche il marito della 37enne, tunisino. L’omicida è stato, successivamente, rintracciato e arrestato dalla polizia.
Auto contro un muro, morti due giovani nel trapanese$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Grave incidente in Sicilia, sulla strada statale 119, nel Trapanese: due giovani, Rossella Patti ed Antonino Graffeo, sono morti a causa dello schianto della loro auto, una seat Arosa, contro un muro di una casa in costruzione. L’incidente è avvenuto martedì sera alla periferia di Santa Ninfa, un paese della Valle del Belice in provincia di Trapani.
Ebola:
Web
di Carlo Galati (Twitter: @carlogalati)
“Gli infermieri siciliani non sono adeguatamente preparati a fare fronte ad eventuali casi di Ebola: non hanno ricevuto una formazione specifica nè rispetto alla malattia nè circa l’utilizzo dei dispositivi di protezione. Inoltre, in molti ospedali tali dispositivi, come tute e maschere, mancano ancora”. A denunciarlo è Osvaldo Barba, segretario regionale del sindacato delle professioni infermieristiche Nursind.
Caltagirone, oppresso dai debiti si dà fuoco$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
La crisi ha nuovamente colpito: Vincenzo Intonato, di anni 54, è morto dopo essersi cosparso di benzina. L’uomo che viveva a Caltagirone, in provincia di Catania, era un imprenditore edile, settore notevolmente colpito dalla crisi economica. L’uomo, a causa di investimenti sbagliati, aveva accumulato diversi debiti. L’intervento del 118 e l’arrivo immediato dei medici, chiamati da braccianti che avevano visto le fiamme ed il fumo, sono stati inutili.
Advertisement
Advertisement