Diede fuoco al clochard, condannato all'ergastolo$
Web
di Redazione
Il gup di Palermo ha condannato all'ergastolo Giuseppe Pecoraro, il benzinaio accusato dell'omicidio del clochard Marcello Cimino, bruciato vivo, a marzo del 2017, mentre dormiva su un giaciglio di fortuna davanti al ricovero di una missione vicina al cimitero dei Cappuccini a Palermo. I legali dell'imputato, gli avvocati Carolina Varchi e Brigida Alaimo, avevano chiesto la sospensione del processo per accertare la capacità di stare in giudizio di Pecoraro che, secondo le due penaliste, non avrebbe avuto la lucidità per affrontare coscientemente il processo.
Nuovo assessore ai beni culturali, Tusa subentra a Sgarbi$
Web
di Redazione
L'archeologo Sebastiano Tusa è il nuovo assessore ai Beni culturali in Sicilia della giunta di Nello Musumeci. Prende il posto di Vittorio Sgarbi che si è dimesso nei giorni scorsi. Il decreto di nomina, secondo quanto si apprende da Palazzo d'Orleans, sarà firmato a ore. Era stato proprio Sgarbi a fare il nome dell'archeologo, che è dirigente della Sovrintendenza del mare, come suo successore, scelta comunque compiuta dal presidente Musumeci, che aveva tenuto l'interim per qualche giorno. Tusa è stato docente alla facoltà dei Beni culturali dell'università di Palermo, tra i suoi incarichi anche quelli di professore di Paletnologia all'Università Suor Orsola Benincasa a Napoli e di docente a contratto alla scuola di lettere e beni culturali dell'università di Bologna.
Migranti a bordo di motoscafi di lusso tra la Tunisia e la Sicilia$
Web
di Redazione
La Procura di Palermo ha disposto il fermo dei componenti di un'organizzazione criminale che organizzava viaggi di migranti tra la Tunisia e la Sicilia su gommoni velocissimi. A bordo passeggeri disposti a pagare caro in cambio di un trasporto sicuro. Chi approdava riusciva a sfuggire ai controlli delle forze dell'ordine e alle procedure di identificazione: un modo, secondo gli inquirenti, che assicurare tra l'altro l'anonimato a chi arriva in Europa con finalità terroristiche.
Mafia, il clan Cappello voleva uccidere un giornalista$
Web
di Redazione
Il clan catanese dei Cappello, su richiesta del boss siracusano Salvatore Giuliano, "stava per organizzare un'eclatante azione omicidiaria" per "eliminare lo scomodo giornalista" Paolo Borrometi, direttore del sito la spia.it, per le sue inchieste sul territorio. Lo scrive il Gip Giuliana Sammartino nell'ordinanza che ha portato all'arresto di quattro persone per un attentato dinamitardo all'auto dell'avvocato Adriana Quattropani che in qualità di curatore fallimentare stava ponendo i sigilli a una stazione di servizio a Pachino. Borrometi già in passato è stato bersaglio di diverse minacce e intimidazioni mafiose, tanto da essere sottoposto a un servizio di scorta.
Catania, nuova emergenza lavoro: licenziati dipendenti
Web
di Redazione
Sono undici i licenziamenti previsti per il personale di sanificazione e pulizia impiegato presso l’Arnas Garibaldi di Catania e gestito dalla Russotti Hotels. Per il 23 aprile è stato proclamato lo sciopero. “E’ una procedura – dice la Filcams Cgil – che nasce da un esclusivo conflitto di natura economica tra Arnas e Russotti e non invece da un problema di esubero di personale, che invece risulta tutto utile e indispensabile al servizio. Non accettiamo che i lavoratori debbano pagare sulle loro spalle i mancati accordi”.

Uccide figlio e ferisce l'altro, arrestato 77enne a Grammicale$
Web
di Redazione
Un uomo di 77 anni, Saverio Ansaldi, ha ucciso a coltellate il figlio di 46 anni Graziano e ha ferito gravemente l'altro figlio, Aurelio, di 43 anni, al culmine di una lite nella loro abitazione di Grammichele, nel Catanese. Indagano i carabinieri che hanno arrestato l'uomo.
Escalation di violenza verso medici a Palermo: arrestato uomo$
Web
di Redazione
"L'escalation di aggressioni ai medici e agli operatori degli ospedali non è più una questione di singoli e sporadici casi, ma sta assumendo sempre più i contorni di un fenomeno che non è più tollerabile, perché oltre a minacciare il lavoro di tanti professionisti, rischia di inficiare il diritto alla salute di tutti". Lo dice Giovanni Migliore, direttore generale dell'Aorn Civico-Di Cristina di Palermo, in merito all'aggressione avvenuta ieri all'Ospedale pediatrico Di Cristina, dove il padre di un neonato ha picchiato quattro medici dopo la morte del piccolo.
Spazzatura, nuova emergenza roghi a Palermo$
Web
di Redazione
E' di nuovo emergenza a Palermo a causa di un guasto nell'impianto Tmb (il tritovagliatore che tratta i rifiuti) nella discarica di Bellolampo. Un inconveniente che sta provocando ritardi nella raccolta e incendi ai cassonetti della spazzatura da parte di vandali. E' stata lunga notte di lavoro per i vigili del fuoco, intervenuti in diverse zone della città per domare le fiamme appiccate soprattutto nelle zone periferiche. Almeno una dozzina i roghi tra Cruillas, Tommaso Natale, Villaggio Santa Rosalia, Falsomiele, Zisa e Zen.
Bimbo di 10 mesi muore per morbillo. Epidemia a Catania$
Web
di Redazione
Un bambino di 10 mesi è morto stamattina nell’ospedale Garibaldi di Catania per complicanze legate al morbillo. Era stato ricoverato ad Acireale, poi trasferito da due giorni nel capoluogo etneo per l’aggravarsi delle condizioni respiratorie e cardiocircolatorie. Già sofferente per un difetto cardiaco, era stato dal 3 al 16 marzo scorsi nel reparto di pediatria del Garibaldi-Nesima per una broncopolmonite e bronchiolite in presenza di un virus respiratorio e da dove era stato dimesso migliorato con programmato di un controllo a distanza di 10 giorni.
Rimprovera alunna, genitore prende a pugni professore ipovedente$
Web
di Redazione
Un professore di 50 anni ipovedente è stato picchiato e ferito gravemente dal padre di una studentessa nell'istituto comprensivo Abba Alighieri a Palermo. L'aggressione è accaduto ieri. Secondo una prima ricostruzione un'alunna di terza media all'uscita della scuola ha raccontato che il docente l'avrebbe picchiata. Il padre ha colpito con un pugno al volto il professore che è stato trasportato all'ospedale Civico, dove gli è stata riscontrata un'emorragia cerebrale. Solo stamane i medici hanno sciolto la prognosi. Sull'aggressione indaga la polizia.
Advertisement
Advertisement