Sudanese fa sbandare un bus della linea Palermo-Trapani$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un giovane sudanese che viaggiava a bordo di un pullman Palermo-Trapani, ha afferrato il volante mentre il mezzo era in corsa e ha cercato di farlo uscire di strada. Attimi di paura tra i passeggeri. Dei militari che si trovavano a bordo sono riusciti a bloccarlo. Non è chiaro ancora il movente. Sulla vicenda indaga il pool della dda di Palermo che coordina le inchieste sul terrorismo. La Digos sta interrogando l'africano che è stato fatto scendere a Castellammare del Golfo.
La figlia di Riina su Facebook:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Tramite il nostro legale chiederemo al presidente della Repubblica la revoca della cittadinanza italiana sia per noi che per nostra figlia così sarà chiaro al mondo intero come l'Italia politica e mediatica tratta i suoi figli, perché sono brutti, sporchi e cattivi". Lo annuncia, sul proprio profilo Facebook, Lucia Riina, figlia del boss ergastolano Totò, contestando il mancato riconoscimento da parte del Comune di Corleone del 'bonus bebè'.
Catania, tenta di abusare di una turista: arrestato 24enne$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Una turista svizzera è rimasta vittima la notte scorsa a Catania, in Viale Kennedy, di un tentativo di violenza sessuale da parte di un 24enne, Carmelo Zagarrio, che è stato arrestato dalla Polizia di Stato dopo che la vittima è riuscita fuggire e a dare l'allarme. L'uomo ha tentato un approccio con la ragazza mentre quest'ultima stava facendo rientro da una discoteca in un vicino camping.
Investito da due auto, muore ciclista$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un ciclista è morto la notte scorsa in un incidente stradale che ha coinvolto anche due auto mentre percorreva contromano la Strada Statale 17 in contrada Berdia, a Vittoria (Ragusa). Non si conosce ancora la sua identità. L'impatto è avvenuto poco dopo l'una.
Canicattì, difende una sua amica: accoltellato mortalmente$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un ventiduenne, bracciante agricolo di Canicattì (Ag), Marco Vinci, è morto dopo essere stato accoltellato davanti ad un pub del paese. Il giovane, nella tarda serata di ieri, aveva preso le difese di una donna di 38 anni che era in sua compagnia. Troppi gli apprezzamenti, anche pesanti, che un trentaquattrenne stava rivolgendo alla donna. Sarebbe così nata una lite fra i due uomini.
Migranti, ne arrivano 1000 a Palermo$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Uno sbarco di migranti è previsto per le 6 di domani mattina alla banchina Quattro Venti del porto di Palermo, dove attraccherà una nave della Guardia costiera italiana con 1.096 persone salvate in queste ore nel Canale di Sicilia in diverse operazioni. A bordo 751 uomini, 160 donne (di cui undici incinte), 185 minori. Saranno accolti dalla task force coordinata dalla prefettura di Palermo, dai sanitari dell'Asp e del 118 e dai volontari della Caritas e della Croce Rossa. I migranti dovevano arrivare a Trapani, ma sono stati dirottati a Palermo.
Negato il bonus bebè alla figlia di Riina$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Lucia, la più piccola dei quattro figli di Totò Riina, ha fatto domanda al Comune di Corleone, dove vive dal '93 dopo l'arresto del padre, per avere il bonus bebè, un assegno riconosciuto dall'amministrazione a chi versa in precarie condizioni economiche. Il Comune, sciolto per mafia e attualmente retto da tre commissari, ha risposto di no, usando motivazioni formali.
Siracusa, arrestato ispettore del lavoro$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un ispettore addetto al Servizio di Prevenzione e sicurezza negli ambienti di Lavoro, Giuseppe Messina, 60 anni, avrebbe taglieggiato alcuni imprenditori edili della provincia siracusana. Il dipendente Asp è stato posto agli arresti domiciliari con l'accusa di concussione al termine delle indagini del nucleo Ispettorato del Lavoro dei carabinieri.
Bimba marocchina segregata e picchiata: arrestati i familiari$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Oltre a 'educarla' a cinghiate, bastonate e ustioni, la facevano vivere in regime di 'apartheid' domestica, imponendole di consumare i pasti da sola e vietandole pure di vedere la televisione per accrescere il suo isolamento: è la drammatica situazione vissuta da una bambina di sette anni, figlia di migranti marocchini, 'colpevole' di essere rimasta orfana di madre e dunque, per motivi "culturali" che avrebbero radici nell'islam, destinata a essere sottoposta a un 'severo' regime educativo.
Ragusa, rinviate a giudizio due maestre per maltrattamenti in asilo$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il Gup di Ragusa ha rinviato a giudizio per maltrattamenti due maestre di un asilo del Ragusano. Le indagini della polizia di Stato, che risalgono al giugno del 2016, erano sfociate nella richiesta di un'ordinanza cautelare nei confronti delle due donne, rigettata dal Gip. La Procura ha quindi chiesto e ottenuto il loro rinvio a giudizio.
Advertisement
Advertisement