Catania, uccise il compagno nel 2002 e simulò infarto: arrestata$
Web
di Redazione
Avrebbe assoldato un sicario per uccidere con un’iniezione letale il 10 dicembre del 2002 il compagno, l’imprenditore catanese Santo Giuffrida, di 60 anni, che si credeva morto per un infarto. E’ l’accusa contestata, a quasi 16 anni dal delitto, dalla Procura di Catania alla sua compagna 44enne, Barbara Bregamo, che avrebbe agito con tre complici. Per lei il Pm Marco Bisogni ha chiesto la condanna a 16 anni e 8 mesi di reclusione per omicidio volontario premeditato, in qualità di mandante, e a 10 anni per un suo presunto complice, Francesco Giuseppe Indorato, 50 anni, accusato di tentativo di omicidio. Il legale dei familiari della vittima, l’avvocato Eugenio De Luca, si è unito alla richiesta dell’accusa.
Digos in Municipio a Messina per controllo regolarità elezioni$
Web
di Redazione
La Digos e un magistrato della procura sono nel Municipio di Messina perchè ancora oggi, a quasi tre giorni dallo spoglio per le elezioni comunali, vi è incertezza per quanto riguarda il voto in 15 sezioni. Sul sito del comune sopra i risultati delle liste è scritto: ''Non sono presenti i dati delle sezioni 20, 47, 49, 57, 66, 77, 84, 87, 111, 116, 145, 166, 201, 222 e 241, perchè non rilevabili''.
Catania, approdata nave Diciotti con 932 migranti$
Web
di Redazione
E' arrivata nel porto di Catania la nave Diciotti della Guardia costiera con a bordo 932 migranti salvati durante sette operazioni di soccorso al largo della Liba. Nell'imbarcazione ci sono anche due cadaveri recuperati duranti gli interventi di salvataggio. Cinque dei migranti, quattro donne incinte e un minorenne, sono stati già trasferiti in ospedali siciliani di Agrigento e Palermo con elicotteri del 118, dopo un primo trasbordo a Lampedusa. Sul molo è pronto il personale per lo sbarco e sono presenti anche investigatori della squadra mobile della Questura delegati dalla Procura distrettuale di Catania a svolgere le indagini del caso.
Mafia, sei arresti nel palermitano$
Web
di Redazione
I carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di 6 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata. Anche questa operazione - come le precedenti indagini dei Carabinieri denominate "Quattropuntozero" e "Montereale" - riguardano esponenti della famiglia mafiosa di Monreale. Tra marzo e ottobre 2016, erano stati tratti in arresto diversi esponenti al vertice del mandamento di San Giuseppe Jato.
Auto precipita dal Montepellegrino, due morti$
Web
di Redazione
Una Mercedes Classe A è precipitata dalla strada che si inerpica sul Montepellegrino, il promontorio che domina Palermo, finendo all'interno di una villa. A bordo due giovani, un uomo e una donna di 28 anni, che sono morti in seguito all'impatto. Il giovane è stato sbalzato fuori dall'abitacolo, mentre per liberare il corpo della ragazza è stata necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco.
Palermo, compra un gelato e ci trova un dito$
Web
di Redazione
Compra un cono gelato in un bar di Palermo e dentro ci trova un dito mozzato. La storia, pubblicata sul Giornale di Sicilia, è accaduta a un palermitano che ha immediatamente avvertito i carabinieri. I militari hanno interrogato proprietari e dipendenti del locale e hanno scoperto che uno degli impiegati si era tranciato di netto una falange mentre lavorava. Solo che nessuno si era preoccupato di cercare il pezzo di dito saltato.
Incassa assicurazione da moglie morte: il figlio lo denuncia$
Web
di Redazione
Avrebbe incassato 14.000 euro di un'assicurazione intestata alla moglie tre giorni dopo il suo decesso, esibendo la carta di identità della defunta e facendo firmare la quietanza a una donna che aveva spacciato per lei. E' l'accusa contestata a un vedovo di Catania che è stato denunciato dal commissariato Borgo Ognina per truffa e sostituzione di persona. La polizia ha indagato due dipendenti dell'agenzia per calunnia e falso ideologico.
Pozzallo, doppio sbarco migranti: in 126 su nave Ong$
Web
di Redazione
Sono in corso a Pozzallo le operazioni di sbarco di 235 migranti soccorsi nel mare Mediterraneo arrivati su due imbarcazioni nel porto del Ragusano. Sono 109 a bordo di nave Diciotti della Guardia costiera italiana e 126 della Seefuchs imbarcazione da diporto battente bandiera olandese, ma riconducibile a una Ong tedesca.
Palermo, tutti in fila per il
Web
di Redazione
C'è già una fila di persone lunga centinaia di metri per visitare il velierod ella marina militare ''Amerigo Vespucci'' attraccato al porto di palermo alla banchina Vittorio veneto. La nave è visitabile domani dalle 11 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30 e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.
Avvocato catanese truffava i propri clienti: arrestato$
Web
di Redazione
Avrebbe ottenuto il riconoscimento dell'indennizzo in favore di decine di suoi assistiti con sentenze del Tribunale del lavoro in cause per irregolare licenziamento da una partecipata a un Ente pubblico, ma ne avrebbe consegnato ai clienti una parte e in alcuni casi l'avrebbe trattenuto tutto per sé. E' l'accusa contestata all'avvocato Fabio Gaetano Cavallaro, di 49 anni, originario di Milano, che è stato arrestato dalla guardia di finanza del comando provinciale etneo e posto ai domiciliari per truffa aggravata e autoriciclaggio.
Advertisement
Advertisement