Etna, nuova fase eruttiva$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Una serie di esplosioni accompagnata da una intensa emissione di cenere è in corso dalle 9,25 di stamane dal nuovo cratere di sud est dell'Etna, sul cui orlo settentrionale si è aperta una piccola bocca. La cenere lavica è trasportata dal vento in direzione Sud-Est. Nessuna conseguenza per l'aeroporto di Catania, pienamente operativo. L'attività del vulcano é monitorata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania.
I "Cursoti milanesi" dietro l'omicidio di Daniele Paratore$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Agenti della squadra mobile di Catania hanno notificato a Francesco Di Stefano, di 40 anni, detenuto nel carcere «Lorusso e Cotugno» di Torino, una ordinanza di custodia cautelare perchè ritenuto, in concorso con il collaboratore di giustizia Michele Musumeci, di 31 anni responsabile dell' omicidio di Daniele Paratore, ucciso a 35 anni il 18 aprile del 2009.
Catania, ancora danneggiamenti ai parametri Sostare$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Ennesimo danneggiamento la notte scorsa a Catania ai danni di un parcometro della Società Sostare di via Garibaldi. Intorno alle 2 ignoti, probabilmente utilizzando una bomba carta, hanno fatto saltare la colonnina e si sono impossessati del denaro che conteneva. Immediatamente sono intervenuti i carabinieri ma i malviventi sono riusciti a fuggire.
La Dia stringe il cerchio attorno a Messina Denaro, 30 arresti$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Duro colpo al boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro: cinque dei suoi familiari, tra cui una sorella, sono fra i 30 arrestati nell'operazione antimafia 'Eden' che ha impegnato tra Palermo e Trapani un gruppo interforze costituito da uomini del Ros dei carabinieri, della Guardia di finanza, della Squadra Mobile di Palermo e della Dia.
Liberato catanese rapito in Nigeria$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Marcello Rizzo, i tecnico di Randazzo rapito una settimana fa in Nigeria, è stato liberato: secondo le prime informazioni è in buone condizioni di salute. La famiglia ringrazia la Farnesina "per il grande lavoro che ha fatto e per la vicinanza". "E' la fine di un incubo,siamo contentissimi. Non vediamo l'ora di riabbracciarlo, sarà un buon Natale", commenta a nome di tutti i familiari il cognato.
Catania, in arrivo 2 mln per il Teatro Massimo-Bellini$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Buone notizie per il Teatro Massimo Bellini di Catania: l'assessorato al Turismo della Regione siciliana ha infatti accreditato, con un mandato di pagamento, la somma di 2.169.500 euro il che permetterà di pagare gli stipendi arretrati, almeno settembre e ottobre, dei dipendenti, che sono poco meno di trecento. Lo rende lo noto il sindaco Enzo Bianco.
Bianco al vertice con la St:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Lieto fine nella vicenda St Microelettronics; il sindaco Bianco in missione a Roma: "L'azienda intende mantenere i 270 milioni di euro previsti, a breve un tavolo con la Regione". Il ministro per lo Sviluppo economico Flavio Zanonato, rispondendo a un suo invito, nelle prossime settimane sarà a Catania.
Ferro, leader Forconi, contro i media: "Complotto contro di noi"$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il leader dei Forconi siciliani, Mariano, Ferro, punta il dito contro i media: ‘‘Continua il complotto dell’informazione contro le nostre proteste: ci invitano in Tv a parlare per due-tre minuti per chiederci di violenze e infiltrazioni criminali. Ma noi vogliamo parlare dei motivi dello sciopero, e se ciò non accadrà ci potranno essere problemi seri”.
Di Matteo non va in aula dopo minacce Riina$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Dopo l'ultimo allarme legato alle nuove minacce lanciate dal boss Totò Riina il pm Nino Di Matteo ha deciso di non partecipare all'udienza sulla trattativa Stato-mafia che si svolge oggi a Milano. E' prevista la deposizione del pentito Giovanni Brusca.
Mafia, arrestato ex sindaco di Mascali$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
I carabinieri di Catania hanno arrestato dieci persone con l'accusa di corruzione aggravata dal metodo mafioso nell'ambito di un'inchiesta su rapporti tra ex amministratori del Comune di Mascali, sciolto per mafia nel 2013, imprenditori e Cosa nostra. Tra i destinatari del provvedimento ci sono l'ex sindaco Filippo Monteforte, l'ex presidente del consiglio comunale Biagio Susinni e Alfio Romeo del clan Laudani.
Advertisement
Advertisement