Il padre della giovane morta dopo aborto:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Giustizia per mia figlia", chiede in queste ore Salvatore Milluzzo, il padre di Valentina, la donna di 32 anni, alla 19esima settimana di gravidanza deceduta il 16 ottobre scorso dopo avere perso, con altrettanti aborti, i due gemelli che aspettava in seguito alla fecondazione assistita. Verità e giustizia hanno pure chiesto in diretta tv a Pomeriggio cinque, la mamma, la sorella ed il marito della vittima. Per dare una risposta e accertare la verità su quanto accaduto nel nosocomio ieri la procura ha indagato i dodici medici presenti in reparto quel giorno.
Catania, i lavoratori del Bellini occupano il teatro$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
I lavoratori precari del Teatro Massimo Bellini di Catania, da anni in attesa di essere stabilizzati, hanno occupato la struttura per protestare contro la loro condizione. «Condivido appieno - ha affermato il segretario regionale dello Snalv Confsal Antonio Santonocito - e sono assolutamente dalla parte dei lavoratori. Troppe promesse non mantenute e troppe assenze subito dopo. Dove sono il sindaco Bianco e l’assessore Regionale Barbagallo che a gennaio avevano promesso la risoluzione del problema? L’anno sta finendo, la pazienza è già finita».
Si riapre il caso sulla morte di Valentina Salamone$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Rinviato a giudizio per l'omicidio dell'amante dopo sei anni. E' accaduto a Nicola Mancuso, oggi 32 anni, per la morte di Valentina Salamone, 19, trovata morta impiccata il 24 luglio 2010 ad Adrano (Catania). Inizialmente si era creduto fosse un suicidio. Poi la Procura di Catania ha chiesto il processo per l'imputato dopo che erano state rinvenute tracce di sangue dell'uomo sotto le scarpe della vittima. Mancuso si è sempre proclamato innocente.
Catania, furto con scasso da Angiolucci$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Furto con spaccata da Angiolucci a Catania, i rapinatori si sarebbero introdotti all’interno del negozio dopo aver praticato un grosso foro nella vetrina. Poco prima dell’alba, intorno alle 05.30 di questa mattina, alcuni malviventi hanno rapinato il negozio di occhiali ‘Angiolucci’ sito in viale Africa a Catania. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del comando di Catania che stanno tutt’ora effettuando i rilievi al fine di ricostruire l’azione ed identificare i rapinatori. La refurtiva avrebbe un valore di decine di migliaia di euro. Secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato identificato e posto a fermo uno dei ladri responsabili del furto.
Catania, dirottavano pazienti su cliniche private: cinque arresti$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Dirottavano i pazienti in dialisi dalle strutture pubbliche a quelle private. Cinque gli arresti per corruzione, tra dirigenti medici e imprenditori del settore a Catania. I provvedimenti sono stati eseguiti, nell'ambito dell'operazione "Bloody Money", dai finanzieri del Comando provinciale, a conclusione di un'indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia etnea. Contestato il reato dell'associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e all'abuso d'ufficio. Sono tre gli imprenditori e due i dirigenti medici posti agli arresti domiciliari.
Colpi di pistola all'auto del presidente di Pubbliservizi$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Alcuni colpi di pistola sono stati esplosi a Catania contro la fiancata dell'auto di servizio del presidente della società partecipata dell'ex Provincia regionale di Catania 'Pubbliservizi", Adolfo Messina, e una testa di coniglio è stata fatta trovare davanti casa di un dirigente della società, a Mascalucia. Gli episodi sono stati denunciati alle forze dell'ordine. Sul primo indaga la squadra mobile, sul secondo i carabinieri.
Catania, arrestati tre topi d'appartamento$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La polizia di Acireale hanno arrestato in flagranza i pregiudicati catanesi Orazio Luciano Sciacca, 29 anni, Paolo Cosentino, 22, e Santo Ravasco, 22, per tentato furto in un'abitazione. I tre sono stati intercettati e bloccati da una volante acese dopo che avevano cercato di introdursi all’interno di una casa nella frazione pedemontana Balatelle, dopo avere attraversato un giardino antistante l’ingresso.
Omicidio Loris, condannata a 30 anni la madre$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Veronica Panarello è stata condannata a 30 anni di reclusione per l'omicidio del figlio Loris. Lo ha deciso il Gup di Ragusa, Andrea Reale. La sentenza è stata emessa a conclusione del processo col rito abbreviato condizionato da una perizia psichiatrica. La Procura aveva chiesto 30 anni per la donna accusata di avere strangolato il bambino nella loro casa di Santa Croce Camerina il 29 novembre 2014 e di averne poi occultato il cadavere.
Processo Ciapi, condannato ad 8 anni Giacchetto$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
I giudici della quinta sezione del tribunale di Palermo, presieduta da Piero Falcone, hanno condannato 4 persone imputate, a vario titolo, di una maxitruffa all'Ue da 15 milioni di euro. Due gli assolti. Si tratta del cosiddetto processo Ciapi, nato da un'inchiesta sull'ente di formazione regionale che avrebbe intascato illecitamente finanziamenti dall'Unione Europea per progetti mai realizzati.
Priolo, litigio che sfocia in sparatoria$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
I carabinieri di Priolo e del NORM della Compagnia di Siracusa hanno arrestato Michael De Simone, 20 anni. E' accusato di avere sparato alle gambe a un uomo,Ignazio D'Alfonso, 47 anni. La vittima è stata portata all'ospedale di Siracusa e ha una prognosi di 30 giorni. Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, il giovane avrebbe litigato con altre persone e per difendersi avrebbe usato l'arma che aveva con sé. L'aggressore si è costituito nelle prime ore del mattino indicando ai carabinieri il terreno in cui aveva nascosto la pistola.
Advertisement
Advertisement