Famiglia gelese bloccata in aeroporti a Londra da due giorni$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Una famiglia composta da sei persone di Gela, proveniente da San Francisco e diretta a Roma, è bloccata da due giorni a Londra per la nebbia. Dalla City partono gli aerei ma in quantità ridotta. Secondo il racconto dei gelesi, il capofamiglia, Claudio Guastella, è un tecnico informatico, la moglie, Stefania Pistritto, è una giornalista, e i loro quattro figli, 2 femmine e due maschi, con un'età compresa tra i 14 e i 3 anni, la compagnia British Airways, per cinque ore, sabato scorso, non avrebbe dato né assistenza né comunicazione sulla durata dell'attesa.
Enna, certificato caso di meningite$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Allarme a meningite in provincia di Enna, a Piazza Armerina, dove un uomo di 33 anni è stato ricoverato in condizioni serie per un caso (confermato) di meningite virale. L’uomo è ricoverato presso l’ospedale Umberto I di Enna, dopo essere stato trasferito dall’ospedale Chiello, dove venerdì sera si è recato lamentando forte cefalea e rigidità muscolare: subito il dubbio che potesse trattarsi di meningite, ipotesi poi confermata dagli esami.
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La Polizia di Stato ha arrestato un quarantenne palermitano con l'accusa di violenza sessuale aggravata dall'uso di armi e sostanze stupefacenti ai danni di un quindicenne. L'uomo, pregiudicato per reati sessuali e per stupefacenti, avrebbe ceduto al minore in diverse occasioni marijuana, cocaina ed eroina e successivamente lo avrebbe costretto a subire atti sessuali, minacciandolo di morte.
Confessa il figlio del bracciante ucciso a Riesi$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Rocco Tabbì, 28 anni, ha confessato di aver ucciso sabato scorso a Riesi il padre Francesco, di 57, con l'aiuto del cognato Corrado Bartoli, di 28. La confessione dei due è arrivata nel corso dell'interrogatorio davanti al gip di Caltanissetta David Salvucci, che ha quindi convalidato i fermi e ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per gli indagati.
Stuprano nigeriana al Cara di Mineo, arrestati quattro connazionali$
Web
di REdazione: (Twitter: @siciliatoday)
Quattro nigeriani, già ospiti del CARA di Mineo, sono stati posti in stato di fermo nella giornata di ieri dalla polizia di Caltagirone, perché gravemente indiziati dei reati di violenza sessuale di gruppo, furto, lesioni e danneggiamento in danno di una connazionale.
Catania, brutti voti in pagella: tenta il suicidio$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
La pagella ha brutti voti e si lancia dal bacone. E' ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di rianimazione dell'ospedale Cannizzaro di Catania un tredicenne che ieri sera si è lanciato dal balcone della sua abitazione, al terzo piano di un palazzo di Mascali, dopo avere portato a casa la pagella del primo trimestre. Il ragazzino ha riportato fratture multiple, un esteso trauma cranico e lesioni interne.
Crocetta denuncia:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Cosa nostra ha il controllo del mercato alimentare delle carni e gestisce la macellazione clandestina. E' una situazione terrificante, basti pensare che solo nelle provincia di Messina l'anno scorso abbiamo registrato il furto di 30 mila ovini e di 6 mila bovini". Lo dice il presidente della Regione, Rosario Crocetta, in conferenza stampa a Palazzo d'Orleans dopo gli arresti di ieri a Messina.
Maltempo, in Sicilia attesi venti di burrasca$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un'area depressionaria presente sul sud del Mediterraneo porterà da domani venti forti sulle regioni meridionali dell'Italia.
Il Dipartimento della Protezione Civile, sulla base delle previsioni disponibili, ha dunque emesso una allerta meteo che prevede dal pomeriggio di domani venti di burrasca sulla Sicilia, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.
Crollo viadotto Scorciavacche, indagati vertici Anas$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Anticiparono l'apertura del viadotto Scorciavacche sulla Palermo-Agrigento, che poi cedette una settimana dopo l'inaugurazione. Per questo la Procura di Termini Imerese ha iscritto nel registro degli indagati il vertice dell'Anas in carica nel 2014, due dirigenti generali dell'azienda, il direttore dei lavori e altri tecnici e funzionari.
Condannato capitano del
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il "capitano" tunisino Moahmed Alì Malek e il suo "mozzo" siriano Mahmud Bikhit sono stati condannati rispettivamente a 18 e cinque anni di reclusione. Per il Gup di Catania, Daniela Monaco Crea, sono loro i due presunti scafisti responsabili del "grande naufragio" avvenuto al largo della Libia il 18 aprile 2015. In quella traversata, considerata la più grave tragedia del Mediterraneo, morirono 700 migranti e solo 28 si salvarono, dopo essere caduti in mare, grazie all'intervento della Guardia Costiera.
Advertisement
Advertisement