Nuove minacce a Di Matteo: si valuta il trasferimento$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Antonino Di Matteo, pm nel processo sulla trattativa tra Stato e mafia, torna nel mirino della mafia. L'allarme è massimo. Il magistrato, dopo una nota inviata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi al Csm, è stato convocato a Palazzo dei Marescialli. Di Matteo ha avuto oggi, 10 ottobre 2016, un lungo colloquio con il vicepresidente Giovanni Legnini e poi è stato ascoltato dalla Terza commissione. Durante l'audizione si è discusso dei fatti che stanno dietro il nuovo allarme; fatti che comporterebbero un aggravamento dei rischio attentato.
Palermo, garage trasformato in essiccatore di marijuana$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palermo Piazza Verdi hanno arrestato tre persone per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In manette sono finiti i palermitani Giuseppe Vitale di 51 anni e Gaetano Di Gregorio di 20 anni e un minore di 17 anni.
Siracusa, anziano picchiato e ustionato: caccia ai bulli$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
E' caccia serrata a Siracusa un gruppo di bulli che sabato scorso sono entrati in casa di un fruttivendolo in pensione, Giuseppe Scarso, 80 anni, e dopo averlo dileggiato e picchiato gli hanno versato addosso benzina dandogli fuoco. L'uomo, con problemi fisici e mentali, è ricoverato in gravi condizioni da una settimana, con la prognosi riservata, nel reparto di Anestesia e rianimazione, ed è seguito da esperti del Centro grandi ustioni del Cannizzaro, a Catania. Scarso è molto conosciuto nella zona dove abita, in via Servi di Maria, è considerato una persona mite e dolce.
Gela, coltivavano marijuana tra i pomodori: arrestati$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Gli agenti di polizia hanno sequestrato una piantagione di marijuana in contrada Bulala. Sono tre i fermati, componenti dello stesso nucleo familiare, dagli agenti del commissariato di via Calogero Zucchetto, diretto da Francesco Marino. Si tratta di Nunzio Giannone, 35 anni, Giuseppe Giannone, 30 anni, e il padre di quest'ultimo, Rosario Giannone, 58 anni. Sono con esattezza oltre mille le piante di marijuana sequestrate che presto andranno distrutte.
Catania, riapre la piscina comunale di Nesima$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Sopralluogo nella piscina comunale di Nesima del sindaco di Catania Enzo Bianco, dell'assessore allo Sport Valentina Scialfa, del presidente della Quinta Circoscrizione Orazio Serrano, del presidente di Multiservizi Giovanni Giacalone e del responsabile della Manutenzioni comunali Fabio Finocchiaro, per verificare la situazione dopo la fine dei lavori di manutenzione effettuati approfittando della pausa estiva. "La piscina - ha commentato Bianco - riapre regolarmente dopo la pausa estiva, anzi quest'anno è in anticipo rispetto allo scorso anno".
Pronto soccorso di Acireale, fino a sette giorni per un ricovero$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Sette giorni di attesa in Pronto soccorso prima del ricovero in reparto. E' la situazione 'limite' registrata all'Ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale (Catania) e segnalata nel monitoraggio 'Lo stato di salute dei Pronto soccorso italiani' presentato oggi da Cittadinanzattiva e Società italiana di medicina di emergenza-urgenza (Simeu).
Sostare, ecco le nuove tariffe notturne a Catania$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Dalle 21 alle 2 di notte basterà 1 euro per parcheggiare nel centro di Catania. “La prima iniziativa che propone la nuova dirigenza di Sostare è una drastica riduzione del costo della sosta notturna nel centro storico”. Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ha annunciato l’importante novità nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente della Sostare Luca Blasi, il comandante del Corpo dei Vigili Urbani Pietro Belfiore, il Capo di Gabinetto del Sindaco Beppe Spampinato, i consiglieri comunali Carmelo Coppolino e Agatino Lanzafame.
Omicidio di Palagonia, alla base un debito di 3000 euro$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Si chiama Francesco Calvagno, di 57 anni, l'uomo che ieri a Palagonia (Catania) ha ucciso il consigliere comunale Marco Leonardo, di 41 anni. L'uomo, che ieri si è costituito presentandosi ai carabinieri confessando l'omicidio, ha parlato di un credito di 3.000 euro che vantava da Leonardo - non è chiaro se il debitore fosse la vittima o se fosse solamente un intermediario - e dell'incontro con Leonardo nel bar di via Vittorio Emanuele.
Palagonia, consigliere comunale ucciso in un agguato$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Agguato mortale nel primo pomeriggio in un bar nel centro di Palagonia, nel catanese. La vittima è un consigliere comunale, Marco Leonardo, 42 anni, esponente di Palagonia futura, una lista civica. E' stato raggiunto dal killer all'interno del locale. Nell'agguato è rimasto ferito anche il proprietario del bar, ma non è grave.
Processo Loris, il marito chiede due milioni di euro di danni$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Davide ha subito una lenta e progressiva fase di dolore in questi due anni accresciuta anche dalle continue versioni fornite dall'imputata e per questo chiediamo un risarcimento di due milioni di euro a testa per il padre e la nonna". Così Daniele Scrofani, legale di parte civile di Davide Stival e di sua madre Pinuccia Aprile, durante l'udienza riservata alle parti civili nel processo a Veronica Panarello, accusata dell'omicidio premeditato del figlio Loris e dell'occultamento del suo cadavere.
Advertisement
Advertisement