Sant'Agata 2016, un bilancio positivo$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
"La festa quest'anno ha avuto una ancor più sentita partecipazione e ho registrato anche una maggiore compostezza". Lo ha detto il sindaco di Catania, Enzo Bianco, dopo il rientro delle reliquie di Sant'Agata in Cattedrale. La processione del cosiddetto "giro interno" si è conclusa poco prima di mezzogiorno.
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Un post infelice su Facebook da parte del sacerdote della chiesa madre di Chiaramonte Gulfi, don Salvatore Vaccaro, fa scoppiare il caso e il vescovo di Ragusa Monsignor Carmelo Cuttitta chiede scusa. Tutto ruota attorno alla frase scritta dal prete sul social network «Altro che macina al collo, sono solo malati», in riferimento agli omosessuali. Sulla spinosa vicenda è intervenuto il vescovo di Ragusa, scusandosi.
Catania, lista d'attesa di due anni per una mammografia$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Tempi di attesa di due anni per una mammografia, ma se si è disposti a pagare l’esame per intero allora i tempi si riducono in pochi giorni. A denunciare “le interminabili liste d’attesa” all’ospedale Garibaldi Nesima di Catania così come negli altri nosocomi etnei è il Codacons, che ha presentato un esposto-denuncia alla Procura di Catania.
Monsignor Lorefice al Pontificale per Sant'Agata:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
"Ieri Sant'Agata, oggi don Pino Puglisi e i tanti fratelli cristiani soprattutto del Medioriente" è la prova che la "testimonianza va incontro a difficoltà, e che il passo verso il Martirio è breve". Lo ha affermato l'arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, celebrando, nella Cattedrale di Catania, il Solenne Pontificale per la Vergine e Martire, Patrona della città etnea.
Massimo Ciancimino:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
"Mio padre riteneva Riina una persona limitata intellettualmente, un doppiogiochista e un uomo aggressivo. Non ne aveva alcuna stima, lo chiamava pupazzo". Lo ha detto Massimo Ciancimino al processo sulla trattativa Stato-mafia. Ciancimino ha ricordato che il padre, Vito, conosceva Riina e Provenzano da quando erano ragazzi.
Catania, non pagano posteggiatore abusivo: coppia aggredita$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Non avrebbe accettato il diniego di una coppia di non pagare il parcheggio, nella centrale via Di Prima a Catania.
Per questo un marocchino di 27 anni, Hakim Oufrout, avrebbe tentato di rubare la borsa dall'auto alla donna. Alla reazione dell'accompagnatore li ha aggrediti, colpendoli violentemente. Per questo è stato arrestato da una pattuglia delle volanti della polizia di Stato per tentativo di estorsione, rapina e lesioni. La coppia è stata condotta in ospedale per essere medicata, l'aggressore è stato sottoposto agli arresti domiciliari.
Gela: assunti come vittime di mafia, indagati per assenteismo$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Questa volta i furbetti del cartellino sarebbero parenti di vittime della mafia, assunti per chiamata diretta dalla Regione. L’indagine sulla quale sta lavorando la Procura di Gela da 4 anni riguarda quattro persone, tre delle quali imparentate tra loro, che si sarebbero più volte assentati dal posto di lavoro, ovvero dagli uffici periferici della Regione a Gela.
Uccise la moglie e ne occultò il cadavere, ergastolo dopo 29 anni$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
La Corte d'assise di Caltanissetta, presieduta da Mario Amato, ha condannato all'ergastolo Vincenzo Scudera, 58 anni, perché ritenuto colpevole dell'omicidio, avvenuto 29 anni fa, della moglie, Rosaria Palmieri, che all'epoca dei fatti aveva 22 anni ed era madre di un bambino di 6 anni. Il corpo non è stato mai trovato.
Vittoria, imprenditore agricolo ucciso a coltellate$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
L’imprenditore agricolo Giuseppe Dezio (nella foto sotto), 64 anni, è stato ucciso a coltellate a Vittoriaal termine di una lite con alcuni confinanti della sua proprietà in contrada Alcerito nel Ragusano.I carabinieri hanno bloccato i presunti assassini. L’inchiesta è affidata al sostituto procuratore Valentina Botti che è sul luogo del delitto.
Pulvirenti incontra il Gip:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Ha risposto alle domande del Gip Giuliana Sammartino per sostenere la propria innocenza il patron del Calcio Catania, Antonino Pulvirenti, agli arresti domiciliari per bancarotta fraudolenta nell''inchiesta sui bilanci della Wind Jet, compagnia aerea di cui è il presidente. Lo ha riferito uno dei suoi legali, il professore Giovanni Grasso. "Pulvirenti ha sostenuto Wind Jet - ha spiegato il penalista - con un capitale sociale, con il finanziamento dei soci e con un'altra serie di iniziative. E all'interno di questa società non ci sono state operazioni distruttive".
Advertisement
Advertisement