Crisi economica, a Catania chiuse quattro aziende al giorno nel 2015$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Secondo le stime dell'Osservatorio Confesercenti nazionale, la Sicilia è la regione ad avere messo a segno il saldo peggiore tra aperture e cessazioni di attività negli ultimi 5 anni, con un saldo negativo di 16.355. A Catania dal 1 gennaio al 31 dicembre 2015 hanno chiuso 1.612 aziende, circa 4 al giorno. In tutta la Provincia 4.949. Confesercenti Catania, nel fornire i dati, spiega che il settore che ha sofferto di più il commercio, con un saldo negativo di 95 in città e 366 in provincia.
Ispica, donna trovata morta: indagano investigatori$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Si chiama Francesca Solarino la donna che è stata trovata senza vita la notte di Capodanno a Ispica, nel Ragusano. A denunciarne la morte è stato il marito che avrebbe dichiarato di aver trovato il corpo nell'abitazione in cui vivevano. In testa aveva un sacchetto di plastica. In un primo momento si era pensato all'ipotesi di un suicidio, che però, col passare delle ore, non ha convinto gli inquirenti.
Botti di Capodanno: a Catania 15enne perde tre dita$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Sono sei i feriti finiti negli ospedali palermitani a causa delle ferite provocate dai botti di fine anno. Cinque sono palermitani mentre uno tunisino di 42 anni residente a Racalmuto (Ag) è stato trasferito dall'ospedale di Canicattì all'ospedale Civico per le ferite gravi riportate all'occhio e alla mano destra. Dodici feriti ma nessuno in pericolo di vita: è il bilancio dei botti sparati a Catania per Capodanno. Tra i casi più gravi un 15enne al quale sono state amputate tre dita della mano sinistra, un 47enne ha perso l'occhio destro mentre a un egiziano di 20 anni un petardo ha ustionato in maniera grave il piede destro.
Catania e Palermo, due maschietti i primi nati del 2016$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Si chiama Andrea il primo bimbo nato a Palermo, diciannove minuti dopo la mezzanotte, nel reparto di Ginecologia e Ostetricia dell'ospedale Civico. I genitori sono palermitani e risiedono a Roma, dove lavorano entrambi. Ed è sempre un maschietto il primo nato del 2016, a Catania. Si chiama Mattia ed è venuto alla luce alle 00.45 all'ospedale Santo Bambino. I genitori sono entrambi catanesi e la mamma ha 30 anni.
Medici senza frontiere lascia Pozzallo$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Medici senza frontiere annuncia l'uscita dal centro di accoglienza di Pozzallo e la chiusura del progetto di supporto psicologico nelle strutture della provincia di Ragusa. Pozzallo, infatti, "non offre le garanzie minime per una collaborazione efficace", accusa Msf che rinnova l'appello alle autorità italiane "affinché sviluppino risposte concrete e di lungo termine. I bisogni medici e umanitari delle persone piu' vulnerabili, passate attraverso condizioni durissime nel loro viaggio verso l'Europa, devono essere la priorità".
Tecnis, trovato l'accordo per la cassa integrazione$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Tirano una boccata d'ossigeno proprio alla fine dell'anno, i lavoratori della Tecnis. Questa mattina al Ministero del Lavoro a Roma, è stato firmato l'accordo di cassintegrazione per tutti i lavoratori. Il provvedimento è retroattivo a partire dal 21 dicembre 2015. Domani, nel corso di un incontro all'Ufficio provinciale del Lavoro di Catania, sarà stabilita la modalità di applicazione della cassa integrazione per tutti i lavoratori siciliani delle aziende interdette.
Catania, trovato uomo impiccato alla Villa Bellini$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Era nato a Messina, ma da anni risiedeva a Siracusa l’uomo di 63 anni che stamattina è stato ritrovato senza vita all’interno del giardino Bellini di Catania. Sul posto sono intervenuti i carabinieri secondo cui la morte di Michelangelo C. sarebbe avvenuta per suicidio: il suo corpo penzolava da un albero al quale era legato con una corda. Al momento non si conoscono i motivi che hanno indotto l’uomo a compiere il gesto.
In Sicilia sarà un Capodanno senza botti$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Sarà un capodanno senza botti anche in Sicilia. Alcuni dei capoluoghi dell’Isola si adeguano alle ordinanze di circa 800 comuni italiani che prevedono sanzioni pesanti per chi saluterà il nuovo anno lanciando petardi e fuochi d’artificio. Palermo, Catania, Messina, Siracusa, Aci Castello, Gela: questi alcuni dei Comuni che hanno emesso un’ordinanza con cui si vieta il lancio e sparo di fuochi d’artificio, mortaretti, petardi, bombette e oggetti simili. I trasgressori rischiano multe comprese tra 25 e 500 euro.
Sicilia, strade colabrodo: Anas investe 40 milioni$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Anas pubblicherà sulla Gazzetta Ufficiale di domani otto gare d’appalto per complessivi 40 milioni di euro destinati alla manutenzione ordinaria della pavimentazione e della segnaletica orizzontale su tutte le strade statali della Sicilia nel prossimo triennio.
Catania, caso di meningite:
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Una donna di 40 anni affetta di meningite si trova ricoverata all'Ospedale Vittorio Emanuele di Catania. Allarme dopo la diffusione della notizia, ingiustificato secondo Carmelo Iacobello, primario di malattie infettive del nosocomio. "Non c'è alcun motivo di temere contagio", avvisano dal nosocomio.
Advertisement
Advertisement