Catania, arrestata nigeriana che faceva prostituire minorenni$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
E' accusata di tratta di esseri umani ai danni di una connazionale minorenne. Sandra Davide, 27 anni, arrestata dalla Squadra Mobile in esecuzione a ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa l'8 febbraio dal G.I.P. del Tribunale di Catania. Dalle indagini è emerso che le donne nigeriane sono reclutate nel Paese di origine con la promessa di un lavoro in Europa in cambio di un pagamento di una esosa somma di denaro e circuite con riti tribali, che prevedono la minaccia del verificarsi di eventi negativi, quali malattia o morte della donna o dei familiari, in caso di mancato rispetto dell’impegno.
Acireale, 62 dipendenti indagati per assenteismo$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Tre persone arrestate, finite ai domiciliari, dodici sottoposte a obbligo di firma. Altre 47 indagate a piede libero. E' il risultato della vasta operazione antiassenteismo della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania nei confronti di 62 persone, dipendenti dell'amministrazione comunale di Acireale.
Veronica, la verità choc sull'omicidio del figlio:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Loris lo ha ucciso mio suocero, Andrea Stival. Ho ricordato tutto quando sono andato a trovarlo al cimitero, ma non l'ho detto prima perché avevo paura che uccidesse anche il bimbo più piccolo". Il movente: "eravamo amanti". E' la nuova verità di Veronica Panarello fatta a gennaio a una psicologa del carcere di Catania, dove è detenuta con l'accusa di avere strangolato il figlio di 8 anni, il 29 novembre del 2014 nella loro casa di Santa Croce Camerina.
Maxi truffe alle assicurazioni, due indagati a Siracusa$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Singolare truffa a Siracusa. Le vittime erano anziani che venivano convinti di aver causato incidenti d’auto e sotto la minaccia di chiamare le autorità, accettavano di risarcire immediatamente i danni. La Guardia di finanza di Messina, coadiuvata dalle Fiamme gialle di Siracusa, al termine delle indagini, ha sequestrato beni per oltre 1,7 milioni a due persone accusate di truffa ed estorsione nei confronti di anziani.
Mafia, altri due arresti a Catania$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Azione lampo dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania che sono riusciti in appena 24 ore ad arrestare altri due destinatari di misura cautelare nell’ambito dell’operazione "I Vicerè", condotta ieri dai militari dell’Arma nei confronti di oltre 100 indagati, molti dei quali con l’accusa di essere presunti affiliati della famiglia mafiosa dei “Laudani”.
Scuola, in Sicilia riparte la protesta$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Con i sit in in nelle nove città siciliane, riparte domani la protesta di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams per i precari della scuola, nel giorno della mobilitazione nazionale. La protesta si terrà davanti alle prefetture dalle 15,30. Al centro della manifestazione, il diritto alla stabilizzazione dei lavoratori assunti a tempo determinato per più di tre anni, per i docenti di scuola dell'infanzia estromessi dal piano di assunzioni, per i docenti ai quali è stata preclusa dal Miur la possibilità di conseguire abilitazioni per Tfa non attivati.
Disoccupato si dà fuoco per disperazione e muore$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un uomo disoccupato di 54 anni, si è dato fuoco all’interno della propria vettura a Villabate, nei dintorni del mercato ortofrutticolo. Sembra che l’uomo avesse perso da poco il lavoro, è per questo motivi che avrebbe deciso di uccidersi. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo avrebbe parcheggiato la sua auto, una Fiat Idea, vicino Piazza Figurella, dove si sarebbe dato fuoco dopo essersi cosparso di benzina.
Catania, rapina in gioielleria: esplosi colpi di pistola a salve$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un gioielliere è rimasto ferito durante un tentativo di rapina nel suo negozio, la rivendita Lanzafame di via Vittorio Emanuele a Catania. È rimasto ferito non da un colpo di arma da fuoco, come detto in un primo momento, ma da una caduta accidentale il gioielliere di 47 anni, durante una rapina a Catania nella rivendita Lanzafame, in via Vittorio Emanuele, che sarebbe stata compiuta da tre malviventi, tra cui una donna, che dopo il colpo sono fuggiti a bordo di un'automobile.
Mafia, duro colpo al clan Laudani: 109 arresti. Tre donne alla guida del clan$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Oltre 500 carabinieri del Comando provinciale di Catania ed unità specializzate dalle prime ore del mattino stanno eseguendo su tutto il territorio nazionale ed all'estero un provvedimento restrittivo emesso dal gip del Tribunale etneo, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 109 persone, dirigenti ed affiliate del clan mafioso "Laudani", ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso ed altri reati.
Corruzione in atti giudiziari, questa l'accusa per Virlinzi ed impallomeni $
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Corruzione in atti giudiziari, questa è l’accusa mossa dal gip ed eseguita dalla guardia di finanza di Catania, alle quattro persone arrestate. Tra i fermati figura anche il noto imprenditore, Giuseppe Virlinzi. Tra i destinatari del provvedimento il presidente della sezione della Commissione tributaria provinciale, Filippo Impallomeni.
Advertisement
Advertisement