Exit Poll, avanti di un'incollatura Musumeci$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Urne chiuse in Sicilia dove oltre 4 milioni di elettori erano chiamati a votare per le regionali. l'affluenza è stata in lieve calo rispetto alla scorsa tornata elettorale. Secondo gli exit poll de La 7, Nello Musumeci è in vantaggio con il 36-40%, Fabrizio Cancelleri è al 34-38%, Fabrizio Micari tra il 16 ed il 20% e La Rosa allo 0,2%. Exit poll Piepoli per la Rai sulle elezioni del presidente della Regione Sicilia (Copertura 80%): - Giancarlo Cancelleri 33-37% - Claudio Fava 7-11% - Fabrizio Micari 16-20% - Nello Musumeci 35-39%.
Regionali Sicilia: Musumeci in vantaggio su Cancelleri di due punti$
Nello Musumeci
di Redazione
È questo il dato che emerge dalla terza proiezione su un campione del 15%, con il candidato del centrodestra che passa in testa (35% i voti per Musumeci) sul candidato del Movimento 5 Stelle che conferma il 34% dei voti
Regionali: aumenta il vantaggio di Musumeci su Cancelleri$
Web
di Redazione
Il candidato del centrodestra avanti con il 39,80% delle preferenze, segue il pentastellato con il 35,10%. Movimento 5 Stelle partito più votato in Sicilia.
Regionali: Musumeci 39,2% - Cancelleri 34,9%$
Web
di Redazione
Quando sono state scrutinati oltre la metà delle sezioni, il dato è di 3.207 su 5.300, Nello Musumeci, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione, ha il 39,2%, il candidato del M5s Giancarlo Cancelleri 34,9%. Seguono Fabrizio Micari (Centrosinistra) con il 18,9%, Claudio Fava (Sinistra) con il 6,2 e Salvo La Rosa (Indipendentisti), con lo 0,72 %.
Nello Musumeci è il nuovo presidente delle Regione Sicilia$
Nello Musumeci
di Redazione
E' questo il risultato finale delle regionali siciliane edizione 2017. Il candidato del centrodestra, originario di Militello Val di Catania, ha trionfato con una percentuale pari al 40%. M5s è il partito più votato con il 26,60% dei voti.
La nuova Ars, solo metà i volti nuovi$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Solo per metà è nuova l'Assemblea regionale siciliana uscita fuori dalle urne e neanche troppo. Sono 36 i deputati che rientrano all'Ars, mentre i "nuovi" sono 34, ma solo una parte al primo mandato perché in qualche caso si tratta di un ritorno, come quello di Cateno De Luca e Alessandro Aricò. Le donne rimangono 14, ma in proporzione risultano in numero maggiore in quanto la nuova legislatura è formata da 70 deputati e non più da 90.
Salvini,
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Non condivido chi nel centrodestra insulta o riduce a una scelta di disperati o fannulloni il voto dato ai M5s, che invece merita rispetto. C'è stato un voto disgiunto a favore del candidato presidente che ha preso più preferenza della lista. Loro sono il primo partito in Sicilia quindi ci devi ragionare e dialogare. E se fossi Musumeci li interpellerei sulle scelte più importanti". Lo ha affermato il leader della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa a Catania.
Accorinti contro Genovese jr:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il figlio di Francantonio Genovese, Luigi, record di preferenze per Forza Italia a Messina con oltre 17mila voti alle regionali di domenica? "Ho visto cose che voi umani...". Così, da Firenze, dove si trova per partecipare alla convention dei sindaci Unity in diversity, il sindaco 'no global' di Messina, Renato Accorinti ha commentato il dato con i giornalisti. "Il figlio di Genovese ha 21 anni, questo ragazzo non lo conosce nessuno, come sono possibili 21 mila voti?"
Sicilia, indagato neo deputato Tamajo$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Avrebbe comprato parte dei quasi 14 mila consensi ottenuti pagando 25 euro a voto. E' l'accusa che la procura di Palermo rivolge al neo eletto Edy Tamajo, 41 anni, che alle regionali siciliane ha corso in Sicilia futura (formazione che fa capo all'ex ministro Salvatore Cardinale) a sostegno del candidato del centrosinistra Fabrizio Micari.
Voti in casa di cura, Minniti chiede intervento della Digosi$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Sul caso di Sant'Agata Li Battiati, dove il figlio di una donna interdetta ha raccontato che qualcuno ha fatto votare la donna alle recenti elezioni regionali all'interno della casa di cura in cui è ricoverata, "sono in corso indagini della Digos su delega del procuratore di Catania", e la legge regionale richiamandosi espressamente a quella nazionale, prevede che "talune categorie in passato escluse, come interdetti o inabilitati per infermità di menti, godono in pieno del diritto di voto in tutte le consultazioni elettorali e referendarie".
Advertisement
Advertisement