Alfano intervenuto a Catania:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Angelino Alfano, ministro per gli affari interni, chiamato a partecipare alla festa nazionale de l’Unità che si tiene a Catania nel suo intervento in merito alle prossime elezioni regionali in Sicilia ha tirato fuori l’idea di una candidatura di area moderata: “Il Pd stia attento a non farsi fare enormi danni in Sicilia perché il governo può poi incidere sulle elezioni successive".
Salvini a Catania:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
'Crocetta si puo anche ricandidare ma saranno i cittadini a doverlo eleggere. Credo che sbagliare sia umano, perseverare sarebbe diabolico. Crocetta é il peggio del peggio''. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini incontrando i giornalisti a Catania.
Festa dell'Unità a Catania: il giorno di D'Alema$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Non provo un'emozione particolare a stare qui. Io non faccio parte di nessuna minoranza, faccio parte di me stesso". Massimo D'Alema fa subito sfoggio di understatement, intervenendo alla festa dell'Unità di Catania, in un dibattito con il ministro degli esteri, Paolo Gentiloni. Mentre l'ex segretario, Pier Luigi Bersani, a Firenze usa toni più concilianti.
Catania e il sindaco Bianco celebrano le prime unioni civili$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
E' il giorno della prima unione civile a Catania. Rosalba Caruso e Laura Testa si sono sposate al Castello Ursino. Nel 2015, dopo l'istituzione del registro comunale, avevano già siglato gli stessi documenti davanti al sindaco Enzo Bianco. Oggi hanno coronato a tutti gli effetti il loro sogno, come effetto della legge Cirinnà.
Crocetta annuncia:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Esplora il significato del termine: -Nonostante 5 anni politicamente tribolatissimi, Rosario Crocetta è deciso a non mollare lo scettro. «Mi candiderò alla presidenza della Regione, sono i cittadini che devono decidere. Chi viene eletto ha passato una verifica democratica e quindi sono i cittadini che devono stabilire se un’esperienza è da bocciare o da promuovere». Lo ha detto a Catania, a margine della Festa nazionale dell’Unità, ad un giornalista che gli ha chiesto se sarà il candidato unico del centrosinistra.
Delrio a Catania:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
«Catania è un esempio di come il Mezzogiorno d'Italia possa trovare la strada dello sviluppo anche attraverso la realizzazione concreta delle infrastrutture. Catania sarà la città metropolitana del Mezzogiorno con la maggiore qualità e incidenza delle reti metropolitane e questo è un grande successo anche per il turismo e per tutto quello che può comportare. Credo che quello che stiamo facendo a Catania sia un grande segnale per il Mezzogiorno». L'ha detto il ministro alle Infrastrutture, Graziano Delrio, parlando con i giornalisti nella città etnea al termine di un incontro in municipio per fare il punto su metropolitana, porto e aeroporto.
 A Catania il via alla festa dell'Unità. prima volta in Sicilia$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Prende il via oggi a Catania la Festa nazionale de l'Unità, che si svolgerà nei giardini di Villa Bellini, dal 28 agosto all'11 settembre. 'L'Italia che dice Si', il tema della festa.
L'Ars salva la doppia preferenza di genere$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Salva la doppia preferenza di genere. L'Assemblea regionale siciliana ha respinto l'emendamento aggiuntivo alla riforma elettorale per gli enti locali che cancellava la norma attuale prevedendo liste con metà donne e metà uomini. L'emendamento è stato bocciato con il voto segreto: 33 i favorevoli, 36 i contrari e un astenuto.
All'Ars si discute la legge elettorale$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Alla ripresa dei lavori parlamentari, i deputati del centrodestra stanno cercando in ogni modo di rinviare la trattazione della riforma elettorale per gli enti locali, chiedendo alla presidenza dell'Ars di invertire l'ordine del giorno proseguendo con le variazioni di bilancio bis.
Ars, approvata la riforma elettorale$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Alla ripresa dei lavori parlamentari l'Ars ha approvato la norma della riforma elettorale che prevede il sistema maggioritario nei comuni con popolazione fino a 15 mila abitanti, non più 10 mila. Quando sembrava sul punto di impantanarsi all'Ars, fra veti incrociati e tensioni d'aula, il disegno di legge elettorale ha ripreso slancio. L'approvazione dell'articolo 2, infatti, ha rappresentato il superamento di uno dei principali scogli della riforma del sistema elettorale per gli enti locali in Sicilia.
Advertisement
Advertisement