Crocetta:
Web
di Carlo Galati (Twitter: @carlogalati)
«Anche nel parlamento regionale vi sono eletti dalle cosche e non c'è consiglio comunale in Sicilia che non abbia un eletto dalla mafia ». Questo l'attacco del Governatore Crocetta, a cui replica Nello Musumeci, presidente della Commissione regionale Antimafia. «Le affermazioni fatte dal presidente Crocetta ieri a Castelvetrano sono di una gravità inaudita. Per il ruolo che occupo, ho il dovere di chiedere al governatore di riferire - entro pochissimi giorni - nomi e cognomi dei deputati beneficiati da Cosa nostra alla Commissione Antimafia».
Crocetta e l'Ars: respinta mozione di sfiducia$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
La mozione di sfiducia contro il presidente della Regione siciliana Crocetta è stata respinta con 44 no e 37 sì. Il voto dell’Aula è arrivato a mezzanotte e 50, dopo numerose ore di dibattito parlamentare spesso privo di reali contenuti politici. Una conclusione che era ormai scontata dopo che 48 ore fa – con la benedizione dei vertici romani – la maggioranza di centrosinistra (e il Pd in particolare) ha trovato la quadra sui nomi della nuova giunta di Governo, la terza dell’era Crocetta.
Crocetta e la mozione di sfiducia: la prova del 46$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Oggi è la giornata più lunga per il Governatore siciliano Rosario Crocetta. Inizierà alle quattro del pomeriggio la seduta dell'Assemblea regionale siciliana con un unico punto all'ordine del giorno: la mozione di sfiducia al Presidente Crocetta presentata la scorsa settimana dall'opposizione. :er approvare la sfiducia ce ne vogliono almeno 46 e i voti non ci sono, specialmente dopo l'annuncio del nuovo esecutivo di Crocetta che ha ricompattato soprattutto il Pd.
Nasca il Crocetta-Ter: adesso è ufficiale$
Web
di Redazione: (Twitter: @siciliatoday)
Il Crocetta ter è fatto. Dopo una giornata caratterizzata da riunioni, incontri e accesi dibattiti tra i gruppi della maggioranza, la lista dei dodici assessori della nuova giunta della Regione Siciliana è completa. Nessun deputato nel nuovo esecutivo e, soprattutto, salta uno dei volti più “amati” dal governatore, Nelli Scilabra, che è stata sacrificata per il bene degli equilibri all’interno della coalizione.
Vertice notturno, si va verso il
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Aperta la crisi politica in Sicilia. Come concordato con i ‘renziani’, il governatore Rosario Crocetta ha azzerato la giunta, firmando i decreti di revoca delle deleghe agli assessori dopo avere riunito per l’ultima volta l’esecutivo.
Un passaggio formale, chiesto dagli alleati, prima del vertice di maggioranza che si è tenuto la sera del 22 ottobre. L’obiettivo del governatore è di formare il prima possibile la nuova squadra magari in concomitanza con la missione a Palermo del sottosegretario Graziano Delrio (in programma venerdi 24), ma trovare la quadra non sarà semplice.
Biancavilla, incendiate le auto del sindaco$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Un incendio doloso ha danneggiato la notte scorsa le due auto del sindaco di Biancavilla, Pippo Glorioso, che erano posteggiate davanti la sua abitazione. Le fiamme sono state spente da vigili del fuoco. Sul posto per le indagini sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Paternò. Gli investigatori stanno cercando di accertare se ci siano collegamenti con le demolizioni di case abusive disposte dalla Procura distrettuale di Catania.
Crocetta pronto all'azzeramento della giunta$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
Il governatore siciliano Rosario Crocetta ha comunicato che provvederà entro la giornata alla revoca degli assessori della giunta. Lo ha riferito ufficialmente con una lettera trasmessa alla Presidenza dell'Assemblea regionale siciliana. Gli unici inamovibili dovrebbero essere Lucia Borsellino, Nelli Scilabra e probabilmente Salvatore Calleri. Per il resto, Rosario Crocetta si dice pronto a «discutere tutto» con gli alleati.
Governo Crocetta, si va verso azzeramento della giunta$
Web
di Redazione (twitter: @siciliatoday)
Azzeramento della giunta ma anche delle cariche istituzionali e di partito nel Pd e formazione di un nuovo governo con una impronta più politica per accelerare le riforme funzionali anche a salvare la Sicilia dal crac finanziario, aprendo una linea di credito con lo Stato per recuperare i 2 miliardi di euro che servono per chiudere il bilancio per il 2015. È l'exit strategy del governatore Rosario Crocetta concordata ieri con i vertici romani del Pd.
Crocetta e la formazione professionale:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
“La Formazione professionale in Sicilia dal 2002 al 2012 è stata un’immensa tabella H, che ha coinvolto gran parte del sistema politico siciliano nel gioco parassitario delle spartizioni tra partiti e all’interno dei partiti, del numero di corsi e delle ore da assegnare, con vicende al limite del voto di scambio". Ad affermarlo è il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, secondo cui “questo sistema ha visto incrementare sempre più il budget della Formazione professionale".
Ministro Giannini contestata a Palermo$
Web
di Gaetano Russo
Disordini stamattina davanti all'istituto Regina Margherita di Palermo, dove è arrivata in visita Stefania Giannini. Un gruppo di studenti ha tentato di avvicinarsi alla scuola per contestare il ministro dell'Istruzione ma è stato respinto dagli agenti della guardia di finanza in tenuta antisommossa. Contestazioni finite in scontri. E spunta un filmato accompagnato da una nota in cui gli studenti denunciano: ''La polizia ci ha caricati brutalmente''.
Advertisement
Advertisement