Salvo Pogliese nuovo sindaco di Catania; eletto al primo turno$
Web
di Redazione
E' una vittoria al primo turno quella ottenuta a Catania dal candidato sindaco del centrodestra, Salvo Pogliese: “E’ un risultato eccezionale: abbiano avuto un consenso in tutti i quartieri della città”, ha commentato Salvo Pogliese. “Confidavamo in un risultato importante, ma non pensavamo di potere doppiare il sindaco uscente”. “E’ un grande attestato di stima – aggiunge Pogliese – e spero di esserne all’altezza. Si percepiva forte in città l’esigenza di voltare pagina e di un rinnovamento vero. Occorre ricostruire Catania in un momento peraltro molto difficile”. “La prima cosa che ho fatto per Catania – ha osservato Pogliese – è rinunciare a una comoda poltrona a Bruxelles per una esaltante, qualificante, ma molto scottante poltrona di sindaco della mia città. Credo che i catanesi ci chiedano più sicurezza, pulizia e decoro urbano. Sono queste le nostre priorità e agiremo di conseguenza”.
Bianco,
Web
di Redazione
Ko del sindaco uscente Enzo Bianco alle amministrative catanesi, battuto largamente dal candidato del centrodestra Salvo Pogliese. “A Catania è ormai chiaro il successo del candidato del centrodestra, l’eurodeputato di Fi, Salvo Pogliese – ha commentato il sindaco uscente, Enzo Bianco, del Pd -. Gli rivolgo un sincero augurio di buon lavoro, con la speranza che non sia disperso quanto fatto in questi anni per la città e i frutti che esso darà”.
Urne chiuse in Sicilia, affluenza intorno al 40%$
Web
di Redazione
Urne chiuse alle 23. Comincia lo spoglio per le elezioni amministrative in Sicilia. Coinvolti 138 comuni, 19 le città sopra i 15 mila abitanti dove si andrà al ballottaggio il 24 giugno se nessuno dei candidati a sindaco supererà al primo turno quota 40%, come prevede la legge elettorale per gli enti locali.
Amministrative, al voto in Sicilia dalle 7 alle 23$
Web
di Redazione
Presidenti e scrutatori al lavoro nei seggi per definire la macchina organizzativa alla vigilia dell'apertura delle urne per le amministrative. Si vota domani dalle 7 alle 23, subito dopo comincerà lo spoglio delle schede. Coinvolti 138 comuni, 19 le città sopra i 15mila abitanti dove si andrà al ballottaggio il 24 giugno se nessuno dei candidati a sindaco supererà al primo turno quota 40%, come prevede la legge elettorale per gli enti locali. Cinque i capoluoghi di provincia al voto: Catania, Messina, Ragusa, Siracusa, e Trapani.
Musumeci apre a Salvini:
Web
di Redazione
"Flirt? Diciamo che ci sono contatti e che mi ritrovo in tante battaglie della Lega: vedremo cosa accadrà con gli amici leghisti...". Vincenzo Figuccia non si nasconde. Il deputato regionale dell'Udc è tra i politici siciliani che potrebbero abbracciare il "new deal" leghista nell'isola. Ma non sarebbe il solo. Altri politici che gravitano al momento in Fi o tra i 'centristi' starebbero scaldando i motori, mentre il commissario della Lega in Sicilia, Stefano Candiani, sta lavorando per la campagna di tesseramento.
Salvini:
Web
di Redazione
"Basta alla Sicilia campo profughi d'Europa. Non assisterò senza far nulla a sbarchi su sbarchi su sbarchi. Servono centri per espellere". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a Catania.
di Redazione
"Con la sua esperienza cercheremo di aiutare gli imprenditori. La sua esperienza non può passar sotto silenzio. Da lunedì sarà nel mio staff. Perché ci dirà come aiutare gli imprenditori come lui che hanno avuto problemi perché lo Stato non l' ho pagato. La sua vicenda parte proprio da Ragusa. Lui è fallito anche perché l'Ato Ambiente Ragusa non l'ha pagato". Lo ha detto il ministro del Lavoro Luigi Di Maio a Ragusa, ribadendo la scelta dell'imprenditore Sergio Bramini come consulente del ministero.
Insulti 'social' a Mattarella: Procura di Palermo apre un'inchiesta $
Sergio Mattarella, presidente della Repubblica italiana
Decine i post diffamatori e intimidatori comparsi su Facebook e Twitter rivolti al presidente della Repubblica.
Web
di Redazione
"La politica nazionale deve intervenire al più presto per allontanare Montante dalla presidenza della camera di commercio, da Unioncamere e da tutti i ruoli istituzionali che lui ricopre, perché costituisce un allarmante rischio di condizionamento per le istituzioni". Lo disse l'imprenditore Marco Venturi davanti alla Commissione parlamentare Antimafia presieduta da Rosy Bindi. L'audizione risale al dicembre del 2016.
Musumeci,
Web
di Redazione
"Cerchiamo di voltare pagina e di impostare un ragionamento nuovo. A Roma non chiediamo elemosina, né privilegi, ma solo che venga riconosciuto lo Statuto e quindi la Carta Costituzionale, che in alcuni punti è stata disattesa, a cominciare dagli articoli 36, 37 e 38. Chiedere la defiscalizzazione e dei prodotti petroliferi vuol dire anche avere anche un giusto compenso ad un atteggiamento che per 60 anni riteniamo sia stato improntato essenzialmente allo sfruttamento di questa a terra". Lo ha affermato a Catania il Presidente della Regione Nello Musumeci rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dei lavori della prima giornata di un road show organizzato dal Anas in occasione dei suoi 90 anni.
Advertisement
Advertisement