Il dissidente del Movimento:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Non c'è tempo di rifare le regionarie è assolutamente falso. Le due precedenti votazioni per selezionare i candidati più il candidato presidente si sono svolte in sole 9 ore. Per ripetere i due turni bastano 3 giorni. E' un voto online, i risultati sono immediati". Mauro Giulivi, l'attivista del M5s che ha presentato il ricorso contro la sua esclusione dalle regionarie pentastellate siciliane, replica sui social alle dichiarazione fatte ieri su La7 da Giancarlo Cancelleri, candidato governatore del Movimento.
Regione, si dimette assessore Vermiglio$
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
L'assessore regionale ai Beni culturali della Sicilia Carlo Vermiglio, in giunta in quota Ap, ha rassegnato le dimissioni. La decisione è stata formalizzata, secondo quanto si apprende, con una lettera indirizzata al governatore della Sicilia Rosario Crocetta, con la quale l'assessore tecnico ringrazia il presidente per l'esperienza istituzionale. Nei giorni scorsi Crocetta ha chiesto un impegno diretto, e cioè la disponibilità di Vermiglio a candidarsi alle prossime regionali nelle liste del Megafono, il movimento fondato dallo stesso Governatore.
Cancellieri:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Sono e rimango il candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione siciliana". Così Giancarlo Cancelleri (M5s) a margine di una iniziativa dei 5stelle a Brolo (Me) commentando la sospensione in via cautelare da parte del Tribunale di Palermo delle "regionarie" con cui i 5stelle hanno scelto i candidati alle regionali in Sicilia. "Mi piace molto il termine siciliano 'nemici della contentezza'. Ecco, c'è sempre qualche nemico della contentezza che vuole fare ricorso, ma Giancarlo Cancelleri è, e rimane, il nostro candidato alla presidenza della Regione siciliana", ha detto Luigi Di Maio (M5s) in tour nel messinese con Cancelleri.
Tribunale sospende validità delle
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
A poco meno di due mesi dalle elezioni regionali in Sicilia, un'altra tegola sul Movimento Cinque Stelle: la quinta sezione civile del tribunale di Palermo ha sospeso la validità e gli effetti delle cosiddette "regionarie" siciliane, le elezioni on line che hanno incoronato Giancarlo Cancelleri candidato del Movimento a governare la Sicilia. Il provvedimento cautelare emesso dal giudice sospende l'elezione e rinvia la causa al 18 settembre per l'integrazione del contraddittorio nei confronti dei candidati classificatisi in posizione utile per entrare in lista.
Botta e risposta Micciché-Grillo:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Miccichè, dice che il MoVimento 5 Stelle è come l'Aids e che bisogna tornare a governare 'seriamente'. Parliamo di una figura che deve la sua ascesa politica a Marcello Dell'Utri, il grande mediatore di Cosa Nostra condannato a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Parliamo di un personaggio che negli anni '80 candidamente ammise di assumere cocaina", che "si faceva portare la droga al ministero delle Finanze quando era viceministro". Così dal blog di Beppe Grillo il M5s replica al commissario di Fi in Sicilia, Gianfranco Micciché.
Cancellieri,
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Il 5 novembre è un referendum sui partiti". Così il candidato alla presidenza della Regione del M5s Giancarlo Cancelleri. "I cittadini dovranno scegliere se continuare a votare e farsi governare da chi negli ultimi 20 anni ha spolpato la Sicilia - ha aggiunto - oppure decidere di dare la guida di questa Regione a l'unico movimento che non l'ha mai governata". "E spero che dal 5 novembre lo farà" ha concluso.
Alfano,
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Sono molto felice che il professore Micari abbia indicato Giovanni La Via come vice presidente della Regione siciliana". Così il leader di Ap, Angelino Alfano, in conferenza stampa a Palermo, alla presenza di Fabrizio Micari e dell'eurodeputato Giovanni La Via. "Quella di Micari è la scelta migliore contro i 5stelle: la competenza contro il dilettantismo. Micari è l'unica vera novità contro il dejà vu, gli altri due (Cancelleri e Musumeci) sono gli stessi sconfitti cinque anni fa", ha aggiunto.
Fiumefreddo duro:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Non sarò candidato alla presidenza della Regione Siciliana il 5 novembre prossimo. Ringrazio gli amici di Liberitalia, di Scelta Civica, di Fare, e tutti coloro che in queste settimane mi hanno incoraggiato. Non ci sono però le condizioni". L'annuncio è dell'amministratore unico di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo, che sottolinea che "ha vinto la mafia" e di volere evitare "sovraesposizioni quando persino le istituzioni ti lasciano solo".
Crocetta all'ultima conferenza stampa:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
"Per me è un giorno di liberazione personale. Ho vissuto cinque anni di violenze". Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, parlando con la stampa a Palazzo d'Orleans della sua decisione di rinunciare alla ricandidatura. "Quattro anni fa al primo rimpasto pensai di dimettermi e di ricandidarmi da solo - ha aggiunto - Un pensiero che ho fatto altre due volte".
Omicidio Dalla Chiesa, Grasso:
Web
di Redazione (Twitter: @siciliatoday)
''Di fronte all'uccisione di un servitore dello Stato come il prefetto Dalla Chiesa, accanto alla responsabilità di autori e mandanti, vi è anche la responsabilità morale di chi non l'ha ascoltato o l'ha privato dei mezzi per garantire libertà e democrazia, legalità e giustizia". Lo ha detto il presidente del Senato Piero Grasso a Palermo riferendosi al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ucciso dalla mafia con la moglie Emanuela Setti Carraro il 3 settembre 1982 a Palermo.
Advertisement
Advertisement