Luciano Ligabue (Nino R. Siciliatoday.net)

Ligabue quasi acustico a Catania

Ieri sera in un teatro 'Metropolitan' stracolmo è andata in scena la tappa del "Quasi acustico" tour 2011 di Ligabue. Per questo tour teatrale Luciano ha scelto una formazione inconsueta che affianca ai già rodati: Luciano Luisi alle tastiere, Michael Urbano alla batteria, Kaveh Rastegar al basso e contrabbasso; il grande amico e storico chitarrista Mel Previte.

La scenografia dello spettacolo è molto semplice, essenziale e senza uso di schermi così che tutta l'attenzione si concentra sulla musica.

Sul palco Liga e la band suonano da seduti come hanno sempre fatto nei tour teatrali. Le emozioni sono diverse da quelle provate negli stadi o nei palazzetti, le interpretazioni sono sicuramente meno "fisiche" ma ricche di sfumature.

I cavalli di battaglia di Ligabue si mescolano bene con gli ultimi successi di "Arrivederci mostro" album più venduto in Italia nel 2010, il tutto intervallato da anedoti raccontati dallo stesso Luciano che fanno ridere tutto il teatro, in alcuni momenti sembra di essere seduti al bar a sorseggiare un caffè con Liga.

Lo spettacolo è, come ormai consuetudine per i teatri, diviso in due tempi che scorrono troppo velocemente. Il pubblico non riesce a star fermo, reagisce canzone per canzone seguendo le proprie sensazioni alzandosi e saltando. La sicurezza riesce a malapena ad arginare l'entusiasmo quando Liga si rivolge ai suoi fans dicendo che anche se è stata una meravigliosa serata qualunque cosa si faccia dopo "Il meglio deve ancora venire" e tutti a ballare sulle note della omonima canzone.

Poi finalmente via libera dalla sicurezza e tutti sotto il palco per il "Taca Banda", il concerto finisce e Ligabue torna si china e saluta con la mano i più fortunati che sono nelle prime file. Si va via contenti sicuri che qualunque cosa si faccia dopo...il meglio già c'è stato.

Le foto del concerto


blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Musica