SiciliaToday
Rinviati i due show siciliani di Renzo Arbore
Dec 16, 2010 - 1:27:54 PM

I due concerti di Renzo Arbore e L’Orchestra Italiana in programma stasera (16 dicembre) a Ragusa e domani (venerdì 17 dicembre) a Catania sono stati rinviati per una indisposizione di salute che ha bloccato lo showman. Le due date siciliane, organizzate da Peter Pan Iniziative, verranno recuperate l’8 aprile al Teatro Metropolitan di Catania ed il 9 aprile al Teatro Tenda di Ragusa. I tagliandi già venduti per le due date di dicembre restano comunque tutti validi per i due nuovi appuntamenti e non dovranno essere sostituiti. Chi, invece, vorrà ottenere il rimborso, potrà richiederlo a partire da lunedì 20 dicembre nelle prevendite di riferimento.

Il nuovo Live 2011 coronerà il successo dopo il disco d'oro del cofanetto pubblicato due anni fa, “diciottanni di... CANZONI NAPOLETANE (...quelle belle)” con tutti i brani (registrati in studio) di Renzo Arbore e L’Orchestra Italiana che, tra il 1992 ed il 1998, hanno dato vita a cinque indimenticabili album, tra i più venduti in Italia in quegli anni.

Con alle spalle una carriera lunga cinquanta anni, lo showman che ha cambiato il modo di fare radio e televisione in Italia, non ha perso il gusto di fare musica, con quell’aria un pò svagata e molto divertita. Accompagnato dall’immancabile Orchestra Italiana, Arbore regalerà al pubblico siciliano due serate di belle note e puro spasso.

Con “L’Orchestra Italiana”, in questi anni, Renzo Arbore ha girato il mondo per valorizzare e rilanciare a livello internazionale proprio la Canzone Napoletana classica, attraverso una rispettosa rivisitazione, esaltandone la poesia, il divertimento, e perfino la sua attualità.

Restano memorabili i tanti concerti dell’artista in Europa e nel mondo. Nel suo ‘dna musicale’ lo showman ha un repertorio vario, che spazia dal classico napoletano al jazz, passando per lo swing e strizzando l’occhio al blues. Immancabili in scaletta nei suoi nuovi live i brani storici come “Malafemmena", "Il clarinetto", "Il materasso" e "Ma la notte no", tanto per citarne alcuni. Canzoni già entrate nell’immaginario collettivo, che non tramonteranno mai.