flickr

Lampedusa, immigrati minacciano sciopero della fame

Sono passati quattro giorni dall'ultimo sbarco di clandestini a Lampedusa, ma sull'isola la tensione sta salendo.

Ci sono ancora 1.814 tunisini dei circa 5 mila sbarcati nei giorni scorsi, e hanno paura di essere rimpatriati. Per questo minacciano di attuare uno sciopero della fame se non verranno trasferiti dall'isola.

Gli immigrati sono stati informati di un eventuale rimpatrio dai parenti tunisini ma probabilmente si tratta di una voce e non vi è nessuna conferma ufficiale.

Ieri anche il sindaco dell'isola, Bernardi De Rubeis, si era detto "preoccupato per il rischio che la situazione, finora pacifica, possa degenerare. Ce ne sono ancora 1800 - aveva detto - e bisogna fare di tutto per accelerare il loro trasferimento. Il fatto che siano saltati, come pare, i quattro voli in programma oggi mi preoccupa molto".

La centrale operativa della Capitaneria di Porto di Palermo che coordina le operazioni di soccorso, ha intanto comunicato che sono state sospese le ricerche di un barcone segnalato ieri nel Canale di Sicilia. L'imbarcazione, che secondo le segnalazioni trasportava centinaia di migranti, potrebbe essere rientrata a causa delle avverse condizioni del mare, anche se la Guardia Costiera non esclude che si sia trattato di un falso allarme.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca